Pizzetta tonno e cipolla

MomentoMomentoMomentoMomentoMomento che forse il 2021 sarà l’anno in cui leggerò Moby dick.

Iniziato 45 volte, abbandonato sempre alla locanda, quando Queequeg torna dalla sua compravendita di teste imbalsamate.
Chiamatemi Ismaele, sìsì. Entusiasmo che si spegne alle prime descrizioni inutili e tediose di particolari che anche no.

#my gif from "You all taste so much better when you're afraid!"
Giusto King riesce ad essere più tedioso

Questa volta però ho superato quel momento e addirittura ci siamo imbarcati ed ho scoperto che persino Battlestar Galactica cita Melville a mani basse.
Achab è appena uscito dalla cabina (a pagina 123, se l’è presa comoda) ed ormai siamo in giro a cacciar balene.
E dire che ero appena tornata dalla traversata col super tonno di Hemingway, quel viaggio tragico raccontato nel Vecchio ed il Mare.
Non pensavo di salpare di nuovo così presto.
Poi ho qui Cuore di Tenebra e pure L’Isola del Tesoro.
Mi sa che di terra non ne vedrò per un bel pezzo.

#filmedit from 🌙
E se mi leggessi il mago di Oz?

Non so cosa stia succedendo.
Forse è che i film son finiti, continuo a guardarne per inerzia ormai da anni.
Che i videogiochi non li sopporto quasi più.
O che le serie tv sono tutte identiche.
Ed io non so più che cazzo fare.

Fatto sta che leggo volentieri e speriamo pure che duri, visti i soldi che sto spendendo in carta.
Un libro costa in media 10 euro: siete dei ladri, chiunque voi siate.

#Spaceballs from Spockvarietyhour
Stronzi

Ed ora prepariamo una pizzetta tonno e cipolla.
Go, go, go!

Useremo una teglia 30×20. Altezza 3 cm.

Per preparare una pizzetta tonno e cipolla, per due persone, hai bisogno di:

  • 250 grammi di farina per pizze e focacce. Sui sacchi di farina c’è scritto proprio così, se trovi quella con la dicitura macinata a pietra compra quella, che mi è sembrata più decente rispetto alle altre;
  • 7 grammi di lievito di birra fresco;
  • 3 grammi di zucchero o di miele;
  • 125 grammi di acqua tiepida;
  • 5 grammi di sale fino;
  • 25 grammi d’olio extravergine di oliva;
  • 10 grammi d’olio per ungere la teglia.

Per condirla hai bisogno di:

  • un barattolo di polpa di pomodoro (400 grammi);
  • 200 grammi di cipolle rosse (all’incirca 2) + 10 grammi di olio per condirle;
  • una scatoletta di tonno, massimo 2 se proprio vuoi andarci pesante. Sembra poco, ma non lo è.

Prendi una tazza e mettici dentro il lievito di birra. Aggiungi un po’ di acqua tiepida (acqua che fa parte dei 125 grammi indicati negli ingredienti) e i 3 grammi di zucchero (o miele). Mescola tutto con un cucchiaino.

In una ciotola grande versa i 250 grammi di farina e i 5 di sale. Mescola tutto benissimo con una frusta, a mano.

Aggiungi i 25 grammi di olio, il lievito con tutta la sua acquetta e l’acqua rimanente.
Mescola con un utensile di legno.

Quando diventa una pappetta malleabile comincia ad impastare a mano. Sposta l’impasto sul tavolo da lavoro e impasta per dieci minuti buoni.

Fodera con della carta da forno una teglia, ungila leggermente con un po’ d’olio e poi cacciaci sopra l’impasto. Ungi anche la superficie dell’impasto, così durante la lievitazione non si seccherà.

Copri con un panno e lascia riposare un’ora.
Sarà raddoppiata:

Stendi l’impasto con il palmo delle mani. Non devi tirarlo: devi solo spingerlo.

Devi coprire tutta la superficie, così:

Copri la teglia con un panno pulito e fai lievitare per altri 45 minuti.
Esaurito questo tempo comincia ad accendere il forno: modalità statica, temperatura 210 gradi.

Mentre attendi che vada in temperatura, prepara gli altri ingredienti.

In padella fai andare la polpa di pomodoro, con un pizzico di sale e di bicarbonato (che serve a togliere l’acidità). Fiamma bassa, fai andare finché si sarà rappreso (almeno 10 minuti, 15 è anche meglio).

Taglia le cipolle a rondelle, mettile in una ciotola e condiscile con 10 grammi d’olio.
Come si tagliano così? Semplice. Peli la cipolla (e tagli ovviamente le due estremità), poi la tagli a fette. Prendi in mano ogni fetta, spingi col dito l’interno e si formeranno gli anelli da soli.

Versa la passata sulla tua futura pizzetta.

Ricopri con la cipolla e fai andare in forno a 210 gradi per 25 minuti.
In questi 25 minuti occupati del tonno: toglilo dalla sua latta e fallo scolare dall’olio, che decisamente non ci serve.

Ecco la pizzetta a fine cottura:

Distribuisci bene il tonno, poi rimetti in forno (spento) per circa un minuto.
Il tonno non ha bisogno di cottura, deve solo scaldarsi un po’.

Questa qui che vedi è una scatoletta sola:

Prepara le porzioni e mangia, te lo sei meritato:

Ciao e buon appetito!

Cotolette di ceci

Ho parlato male di Israele in un commento di TikTok e mi hanno bloccato per 24 ore. In castigo per antisemitismo, pare.
Pochi giorni fa mi hanno bloccato la live per incitamento all’odio perché stavo spiegando che la parola Frocio è innocua, che le parole non hanno valore, solo i fatti. Lì mi sono girati i coglioni.
Ma essere bloccata per aver parlato male di Israele è quasi una medaglia al valore.
Domani ci sarà la premiazione, ci saranno proprio tutti, pure Chewbecca.

#ruinedchildhood from a hoe for older men 💦
La verità è che Israele è puccettosa come puffolandia, si cavalcano unicorni e dai rubinetti esce latte al cioccolato.

Potrei dire tante cose, ma temo che chiuderebbero anche il blog perché il Grande Fratello ascolta e riferisce e sinceramente non ho più l’età per pensare che il sistema si può cambiare, dal di dentro o dal di fuori.
Il sistema fa schifo, ce lo teniamo com’è e pensiamo alle cotolette di ceci.
Che è meglio.

Che è un tipico detto israeliano.

Go, go, go!

Per preparare delle cotolette di ceci, per due persone, hai bisogno di:

  • 160 grammi di farina di ceci;
  • 10 grammi d’olio;
  • 5 grammi di paprika piccante;
  • 10 grammi di amido di mais;
  • 120 grammi di acqua tiepida;
  • 3 grammi di sale;
  • 5 grammi di cumino;
  • 30 grammi d’olio per cuocere le cotolette;
  • 30 grammi di pangrattato (più o meno);
  • panbauletto e maionese e rucola per trasformare tutto in un panino.

Preparazione VELOCISSIMA.

In ciotola metti tutti gli ingredienti a parte il pangrattato.

Mescola con un cucchiaio finché si formerà una pastella appiccicosa ma solida.

Dividi l’impasto in due parti (sì, usciranno solo due cotolette).
Adagia le palle ottenute nel pangrattato.

Delicatamente schiacciale e fai imprimere bene il pangrattato.
Formerai la cotoletta:

Versa 30 grammi d’olio in una padella antiaderente, aspetta che l’olio sia bello caldo e poi adagia sopra le cotolette.
Mi raccomando, che sia CALDO. Altrimenti si stacca la panatura e viene da schifo.
Cottura di un minuto circa per lato (massimo due), girale delicatamente perché si spaccano. E se si spaccano non fa niente, saranno solo brutte e non potrai fare la foto per Instagram, ma saranno buone uguale.

Prepara i piatti. Accompagnala con della rucola, fai la foto, poi tira fuori l’occorrente per fare il panino porco e mangia.

Ecco cosa dovresti avere davanti a te:

Ciao e buon appetito!

Panino con pomodori e feta

Ci sono 4 gradi di massima, ho la stufa perennemente accesa, le dita coi geloni e vivo sotto il piumone però il mio cervello non ci sente ed ha voglia di estate.
Ho già mangiato non so bene quante insalate di pomodoro (aspre), fuori, al sole freddo, rimpiangendo di vivere ad ogni morso.

#teenage mutant ninja turtles from タイムファイヤー
Insalate di pomodoro aspre, quasi meglio della pizza alla penicillina.


E continuo ad avere voglia solo di cose se non altro PRIMAVERILI. Non dico l’anguria, cazzo, ma un po’ di feta.
Quindi paninazzo con feta e pomodori. Quasi imbarazzante scrivere la ricetta, ma va beh.

Go, go, go!

Tumblr: Image
Tutti in cucina e nessuno ci fermerà.

Per preparare due panini con pomodori e feta hai bisogno di:

  • 600 grammi di pomodori. Sono pure troppi, ma meglio abbondare;
  • 10 grammi d’olio, basilico, sale, origano e pepe per condire i pomodori;
  • 200 grammi di feta;
  • 2 panini (grosso modo peseranno 120 grammi);
  • 5 grammi d’olio aggiuntivi a testa per condire la feta;
  • qualche foglia di menta.

I pomodori è sempre meglio condirli con un po’ di anticipo, così macerano nel loro liquido e sono più buoni.
Togli la parte più dura (quella del picciolo), li tagli a pezzi e li metti in una ciotola insieme a sale, pepe, origano, qualche foglia di basilico spezzettata con le mani e 10 grammi d’olio.
Mescoli tutto e fai riposare coperto, fuori dal frigo. Per quanto? Minimo 30 minuti, ma più stanno e meglio è.

Tostiamo il pane: lo tagliamo a metà, lo adagi su una padella antiaderente senza aggiungere grassi.
Fiamma bassa, ogni tanto lo giri, deve seccarsi e colorarsi. Stacci dietro perché è un attimo dal passare al Minchia quanto ci mette al PorcaTroia ho bruciato tutto.

Tumblr: Image
Che esagerazione, hai solo bruciato il pane.

Infine tocca alla feta: sciacquala sotto l’acqua fredda per togliere l’acqua e sale di conservazione.

Ed ora assembliamo questo difficilissimo panino.Prima i pomodori, aggiungendo altro basilico.

Poi la feta, spezzettandola con le mani. Aggiungi anche delle foglie di menta che ci stanno benissimo.
5 grammi d’olio per concludere e poi chiudi tutto ed otterrai questo prodigio culinario:

Ciao e buon appetito!