Scialatielli con zucca e salsiccia su piatto di caciocavallo fuso.

Deve essere stato difficile procacciarsi il cibo, durante questa settimana.

tumblr_mrzswpreb31rvzbdgo1_r1_400

Ti immagino così, ma senza tutti quei capelli.

Però anche i Kaiju, ogni tanto, vanno in vacanza e le gite al mare mi hanno tenuto impegnata più di quel che mi aspettassi.
Torno con una BOMBA!!!!! (da leggersi urlando, mi raccomando). Ormai lo sai che io mangio un piatto unico, quindi qui ti presento un piatto di pasta che, una volta concluso, ti regala pure il secondo in sottoforma di caciocavallo piastrato.

Che si mangia? Scialatielli con zucca e salsiccia, su piatto di caciocavallo fuso. O, come scriverebbero gli stronzi, su un letto di caciocavallo fuso.

tenor

Quando leggo quelli che scrivono così, ecco cosa vorrei farmi.

Go, go, go!

Per preparare gli scialatielli con zucca, salsiccia e caciocavallo, per due persone , hai bisogno di:

  • 200 grammi di salsiccia;
  • 250 grammi di scialatielli (se freschi, se secchi i soliti 180);
  • 300 grammi di zucca (ricordati che bisogna levare le bucce, quindi comprane di più);
  • una fetta di caciocavallo a testa, 120 grammi totali (più o meno). Dovrai trovare un salumiere disponibile a tagliartelo sottile;
  • 30 grammi di parmigiano;
  • 100 grammi di vino bianco;
  • 10 grammi d’olio;
  • mezza cipolla tritata e peperoncino.

Go, go, go!

Prepara tutti gli ingredienti.
Togli il budello alla salsiccia, tagliala a pezzi.
Grattugia il parmigiano.
Pulisci la zucca (leva dunque buccia e semi) e tagliala a dadini piuttosto piccoli.
Trita la cipolla ed il peperoncino.

Infine apri il vino bianco con l’aiuto di uno splendido cavatappi.

Regali che realizzano sogni che si pensavano impossibili.

Metti l’acqua della pasta a bollire.

In una padella fai soffriggere, in un cucchiaio d’olio, la mezza cipolla tritata ed il peperoncino. Quando è colorata (e ci vorranno circa 5 minuti, a fiamma medio bassa) caccia dentro la salsiccia e falla rosolare per qualche minuto.

Versa poi il vino bianco. Alza la fiamma ed attendi l’evaporazione.

Quando il vino sarà praticamente tutto sparito, puoi unire la zucca.

Abbassa un po’ la fiamma, gira spesso ed attendi che il tutto sia pronto. La zucca dovrà ammorbidirsi e ci vorranno almeno dieci minuti.

Adesso ci vorrà un po’ di coordinazione: se hai usato la pasta fresca, la sua cottura si aggirerà intorno ai 5-6 minuti. Tu cuocila per la metà del tempo, poiché i sei minuti indicati sono solo la via per scuocerla. La faremo saltare poi un minuto scarso in padella, finendo lì la preparazione.
Ma c’è anche il caciocavallo, che intanto ti presento:

Se non sei riuscita a farti tagliare due fette come queste, puoi anche crearne tante piccole. Deve fare da fondo, quindi non è che abbia tanta importanza.

Per piastrare il caciocavallo ci vorranno pochissimi secondi.
Quindi quando il sugo è quasi pronto abbassa la sua fiamma al minimo e su un altro fornello scalda la piastra che hai scelto da usare (oppure una padella antiaderente).
Appena è calda, adagia sopra una fetta di caciocavallo.

Fallo fondere, a fiamma medio bassa.
Poi allontana la padella dalla fiamma, lascia raffreddare per 30 secondi per facilitarti l’operazione e – aiutandoti con una pinza, una spatola e qualche madonna – fai scivolare il formaggio sul piatto che userai per mangiare.

Se vuoi puoi anche bruciacchiarlo, ma ci vorrà un po’ più di tempo. Fa come vuoi. Ecco una delle mie:

Ripeti l’operazione con l’altra fetta (o comunque con tutto il formaggio) e poi parti con la pasta.
Scolala al dentissimo, non buttando l’acqua di cottura. 
Alza un po’ la fiamma, bagna con un mestolo d’acqua se ti sembra necessario e lascia un po’ (poco) di liquido prima di spegnere definitivamente il fornello.
Versa dentro tutto il parmigiano e mescola il tutto.

È tempo di assemblare i piatti, distribuendo le porzioni direttamente sopra il caciocavallo.
Ecco qui:

Ciao e buon appetito!