Cavolfiore gratinato, con besciamella ricottata.

Non ci basterà per cenare, dicevo io. E, continuando a straparlare, Prendiamo quello più grande possibile.

We need a bigger cavolfiore, sbraitavo col fruttivendolo.

Così accade che ho comprato un chilo e mezzo di cavolfiore. Che pulito è diventato un chilo e due. UN CHILO E DUE.

I più saggi potrebbero consigliarmi l’acquisto di un frigorifero, così di certo non sarei obbligata a mangiarmelo tutto. Ma i più saggi non hanno l’asperger del cibo e non sanno che io il frigo ce l’ho pure, ma non conservo quasi niente. Compro e mangio, compro e mangio.

tumblr_lcfcf6zl4i1qbhnrvo1_1280

C’è chi, nel frigo, tiene persino il superfluo perché non si sa mai, magari ci faccio il brodo.  Una testa di Hitchcock, però, nel Cilento non la vendono. Saran prodotti che importano solo al nord.

Avevo in mente di copiare in maniera spudorata la ricetta di Catia: un cavolfiore gratinato al forno, immerso nella besciamella ricottata. Ho cucinato il cavolfiore altre due volte, negli ultimi mesi, ma sempre con risultati piuttosto noiosi. La besciamella ricottata poteva forse deludermi?
No, col cazzo.

tumblr_oml4vby0se1tukmwfo1_500

È quel che pensavo leggendo la ricetta di Catia.

Se Catia non si era segnata le dosi perché era andata a braccio, io le mie le ricordo ma ti avviso che ci mangerai due volte. Libera quindi di dimezzare, per limitare i danni.
Quali danni?
I soliti, quelli dello smaltimento del grasso in eccesso.

tumblr_nl7yy2h3ts1ssaxw5o1_400

Eseguire questo esercizio tutti i giorni, può tonificare i muscoli delle caviglie.

Per cucinare il cavolfiore gratinato con besciamella ricottata hai bisogno di:

  • 1,2 chili di cavolfiore (pulito);
  • 1 litro di besciamella, che puoi preparare usando la ricetta che già ti ho insegnato qui; mi raccomando, non comprare quella confezionata, che fa cagare;
  • 250 grammi di ricotta vaccina (non di bufala, ha un sapore troppo forte per quello che dobbiamo preparare);
  • uno spicchio d’aglio, un cucchiaio d’olio.

Go, go, go!

Come per tutte le cose cotte al forno, ti consiglio di cucinare con un’oretta di anticipo al momento di sbafo, poiché più stanno in forno e più diventano buone. E poi non si spetasciano quando le tiri fuori dalla teglia.

Inizia sezionando il cavolfiore: taglia il gambo e togli tutti i gambetti più duri. Dividi le cimette tra loro, separando i mazzi più grossi.

In una pentola piuttosto grande metti poca acqua e caccia dentro il cavolfiore. Io ho usato un bicchiere e mezzo: lo scopo è avere un paio di dita di liquido in cui appoggiare il tuo cavolfiore. Non devi bollirlo in abbondante acqua salata perché, come Catia insegna ed io ho imparato, le verdure sono molto, ma molto più buone cotte quasi al vapore.

Quindi metti l’acqua e chiudi col coperchio. Fai cuocere per una ventina di minuti, fino a quando il cavolfiore sarà morbido (quando puoi infilzarlo con una forchetta è pronto: cottura più al dente possibile, perché poi lo ripassiamo anche in padella).

tumblr_ozlqb3wwvj1r0awsqo1_1280

Qui è prima della cottura.

In una padella piuttosto grande fai scaldare un cucchiaio d’olio e poi fai soffriggere uno spicchio d’aglio schiacciato con lo spremiaglio.

tumblr_ozlqb3wwvj1r0awsqo2_1280

Non aspettare che l’aglio si scurisca ma, appena l’olio sfrigola, aggiungi anche il cavolfiore e fai cuocere per pochi minuti. Il tempo di insaporirlo e di levare l’umidità in eccesso. Gira bene e spesso.

tumblr_ozlqb3wwvj1r0awsqo3_1280

Prodotto finito.

Aggiungi un po’ di sale, se vuoi, ma poco: ci penseranno ricotta e besciamella ad insaporire.

Prepara la besciamella come giàssai. Quando è pronta spegni la fiamma e aggiungi 100 grammi di ricotta.

tumblr_ozlqb3wwvj1r0awsqo4_1280

Gira bene con un cucchiaio e, se vedi che non si scioglie a sufficienza, aiutati con la frusta elettrica.

Abbiamo tutti i componenti, quindi accendi il forno a 220 gradi, modalità statica, e prepariamo la teglia.

Copri il fondo con della besciamella:

tumblr_ozlqb3wwvj1r0awsqo6_1280

Aggiungi metà del cavolfiore.

tumblr_ozlqb3wwvj1r0awsqo7_1280

Ricopri con metà della besciamella:

tumblr_ozlqb3wwvj1r0awsqo8_1280

Con le dita metti un po’ di fiocchi di ricotta, poi iniziamo con un altro strato.

Cavolfiore, altra ricotta a fiocchi:

tumblr_ozlqb3wwvj1r0awsqo10_1280

La restante besciamella ed ancora ricotta.

tumblr_ozlqb3wwvj1r0awsqo9_1280

Ora inforna per 15, 20 minuti.
Finché, insomma, non avrai raggiunto questo risultato:

tumblr_ozlqb3wwvj1r0awsqo5_1280

Buonissimo e semplicissimo!

La prossima volta prepareremo degli spaghetti allo scarpariello, che altro non sono che una pasta col sugo di pomodorini ed una quintalata di formaggi.

Ciao!

 

2 pensieri su “Cavolfiore gratinato, con besciamella ricottata.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...