Che fare quando ti regalano due chili di carne di cinghiale?

Oggi ci sfondiamo di carne.


tumblr_p1buwvymjk1wkdbl8o1_500

Forse ho già usato questa gif.

Vado dal macellaio di fiducia per chiedergli un pollo ed esco con in regalo due chili di cinghiale. Che io l’avevo giusto mangiato al ristorante ed ancora manco avevo capito se mi piacesse o meno (sei grammi scarsi di cinghiale annegati nel vino non sono abbastanza per il mio palato). Mi immaginavo una roba molto difficile da preparare e dai dubbi risultati. Magari carne dura, molto masticosa.

tumblr_o1bm4xp9fg1sajg7no1_500

Pensavo avrei passato la serata così.

Invece il risultato è stato spettacolare. Sapore forte, consistenza morbidissima. E digestione lenta, sei avvisata.
Siccome il cinghiale è una roba selvatica, va smorzato l’odore di selvaggio (e pure il gusto), dunque bisogna imparare a gestirlo.
E gestirlo è una sonora stronzata.
È sufficiente marinarlo nel vino per 24 ore, prima di partire con la cottura scelta. 

Partiamo col tutorial.
Go, go, go!

tumblr_okmusctius1vkzuj9o1_400

Si comincia.

Per marinare un chilo e mezzo di cinghiale hai bisogno di:

  • una bottiglia di Chianti (o di altro vino rosso corposo);
  • 2 spicchi d’aglio;
  • 20 bacche di ginepro;
  • una cipolla bianca;
  • una carota;
  • una costa di sedano;
  • 5 grammi di pepe in grani.

Per cucinare poi il cinghiale alla cacciatora, sempre con la stessa quantità di cinghiale, hai bisogno di:

  • il chilo e mezzo di cinghiale che hai marinato;
  • un battuto con 2 carote, 2 coste di sedano, una cipolla;
  • 2 spicchi d’aglio;
  • 20 grammi di bacche di ginepro;
  • una noce;
  • un rametto di rosmarino, un po’ di salvia;
  • 3 scatole di pelati (nel mio caso Mutti, non so se il peso è uguale per ogni marca);
  • una bottiglia di Chianti (o altro vino rosso corposo);
  • 150 grammi di olive di gaeta;
  • 2 cucchiai d’olio.

Vai a fare la spesa, così cominciamo.

15977688_1380502058649263_4199281439926794571_n

Anche gli eroi devono mangiare.

Il lavoro è un po’ lungo: la marinatura ha bisogno di 24 ore, il piatto finito di quasi due ore di cottura. Tuttavia ne vale davvero la pena: risultato spettacolare, sotto ogni aspetto.

Per quante persone? Noi ce lo siamo mangiato in due ed è rimasto giusto del sugo per qualche bruschetta. Immagino che sia però una dose per tre, se non si hanno stomaci importanti come i nostri.

Ah, prima che mi dimentichi: ho rubato la ricetta dal solito Luca Pappagallo, ormai mio insegnante virtuale su quasi ogni aspetto culinario.

Inizia mettendo il cinghiale in un contenitore che possa contenere lui e tutto il vino. Se possiedi il coperchio tanto meglio, altrimenti ti tocca coprirlo con la pellicola. 

tumblr_p32cp60nza1r0awsqo1_1280

Prendi le 20 bacche di ginepro e schiacciale leggermente con il dorso di un coltello: bisogna aprirle, ma senza frantumarle. Serve a fare sprigionare il loro odore.

tumblr_p32cp60nza1r0awsqo2_1280

Cospargi il cinghiale con le bacche.

tumblr_p32cp60nza1r0awsqo3_1280

Ne ho messe più di 20, in realtà.

Taglia a pezzi grandi la cipolla.
Raschia l’esterno della carota con un pelapatate e taglia a pezzi grandi pure lei.
Raschia anche l’esterno del sedano e taglia a pezzi grandi pure lui, lasciando anche le foglie.

Metti le verdure sopra il cinghiale, aggiungendo anche due spicchi d’aglio in camicia.

tumblr_p32cp60nza1r0awsqo4_1280

Sommergi tutto col vino.
Copri col coperchio (o con la pellicola) e lascia riposare per 24 ore. A temperatura ambiente (se si crepa di caldo, consiglio il frigo).

tumblr_p32cp60nza1r0awsqo5_1280

Con la marinatura abbiamo finito.
Fai passare le 24 ore come meglio credi: guarda Star Trek (e poi spoileralo a tutti, subito, mi raccomando), gioca a qualcosa, vai a farti una passeggiata, cerca di dormire almeno 8 ore.

tumblr_nczxbq4ela1qbjy8co2_250

Anche l’infilarsi una scopa nel culo mentre si sfogliano delle riviste di moda è un ottimo passatempo.

Ed ora la ricetta del cinghiale alla cacciatora.
Hai bisogno di una pentola sola: ma che sia capiente, con il coperchio ed antiaderente, poiché dovremo farlo sobbollire per un paio d’ore e meno sei costretta a controllarlo e più ti puoi fare i cazzi tuoi.

Trita tutte le verdure (2 carote, una cipolla, 2 coste di sedano). Se hai un mixer, meglio.

Metti due cucchiai d’olio nella pentola che hai scelto, falli scaldare ed aggiungi il battuto di verdure.

tumblr_p32cp60nza1r0awsqo6_1280

Aggiungi anche due spicchi d’aglio in camicia e del peperoncino.

tumblr_p32cp60nza1r0awsqo7_1280

Lascia andare il battuto per qualche minuto, poi buttaci dentro anche il cinghiale.

tumblr_p32cp60nza1r0awsqo8_1280

Aggiungi i 10 grammi di ginepro (bacche integre, in questo caso), il rametto di rosmarino ed un po’ di salvia.
Per quanto riguarda la salvia, io ce l’avevo in polvere concentrata. Se sei costretta ad usare quella essiccata da supermercato, fai prima a risparmiare i 2 euro e a non mettercela (puoi usarli per fare una partita a flipper, sono meglio spesi).

tumblr_p32cp60nza1r0awsqo9_1280

Ricopri tutto col vino.

tumblr_p32cp60nza1r0awsqo10_1280

Ed ora, l’angolo della strega: non si sa perché, non si sa percome ma a quanto pare c’è un trucco per levare ulteriormente l’odore di selvatico.
Bisogna inserire nel sugo una noce intera. 

tumblr_p32dfxyzti1r0awsqo1_1280

LA NOCE.

Quindi cacciacela dentro ed abbi fede, al massimo non serve ad un cazzo.

Fai andare tutto quanto a fiamma alta, senza coperchio, fino a quando non senti più l’odore di alcol. Ci vorrà un po’, in fondo abbiamo cacciato dentro un’intera bottiglia.

tumblr_p32dfxyzti1r0awsqo2_1280

Quando l’odore alcolico sarà svanito, abbassa la fiamma ed aggiungi le tre scatole di pelati.

tumblr_p32dfxyzti1r0awsqo3_1280

Mescola bene, spezzetta i pelati con un cucchiaio di legno. Poi chiudi e lascia sobbollire per un’ora intera. 
Se hai usato una pentola antiaderente valida, non avrai bisogno di venirlo a controllare. L’unica accortezza che devi avere è quella di usare una fiamma più bassa possibile. Fiamma bassa ma che sia sufficiente a sobbollire, eh. 

Trascorsa un’ora togli il coperchio, assaggia e sala se occorre. Lascia andare per altri 30 minuti, senza coperchio e sempre con la stessa fiamma.

Aggiungi ora le olive.

tumblr_p32dfxyzti1r0awsqo4_1280

Ora dipende da quanto vuoi rappreso il sugo. Io ho fatto andare per altri dieci minuti, sempre con fiamma sufficiente alla sobbollitura. 
Se il tuo sugo è ancora troppo liquido (perché la cucina non è una scienza esatta, dipende da tante cose) aumenta di quanto vuoi il tempo di cottura (dubito che la carne si possa rovinare).

Ecco il risultato finale:

tumblr_p32dfxyzti1r0awsqo5_1280

Fai piatti e mangia:

tumblr_p32dfxyzti1r0awsqo6_1280

Un’altra foto, perché era troppo buono:

tumblr_p32dfxyzti1r0awsqo7_1280

Buon appetito e alla prossima!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...