Capita anche a te che la Madonna si autoinviti a cena?

Siccome l’ultima volta abbiamo mangiato sì una roba buona, ma che ci volevano due giorni per cucinarla, mi sa che un po’ le balle ti girano anche.

tumblr_o8zk66yhhe1vxd9e0o1_400

Reagire benissimo.

Quindi oggi cena che si prepara in sei minuti scarsi, dove l’unica difficoltà sta nel trovare una padellina che abbia un coperchio.
Hai presente la colazione americana, quella con le uova ed il bacon croccante? Ecco, dimenticala perché la nostra versione è decisamente migliore.
Per ora l’ho provata solo con lo speck, ma la prossima volta ho in mente di usare un po’ di mortadella. Così, perché la ciccia, a me, fa schifo.

giphy4

Solo all’idea mi esplode il cervello.

Cuocere trentamila uova in una padella sola è, per me, sinonimo di bestemmie e stress. Così questa volta ho creato delle monoporzioni: non si è rotto niente, tuttapposto. Ed ho sfanculato pure il metodo della cottura dei rossi e dei bianchi in tempi separati, più che altro per preservare un minimo di sanità mentale. Ti consiglio di fare altrettanto, è davvero una vita più facile.

giphy5

Ogni volta che un tuorlo si spacca, la mia reazione più o meno è questa.

Partiamo.
Go, go, go!

Per preparare delle uova con speck e ricotta salata, PER UNA PERSONA, hai bisogno di:

  • 4 uova;
  • 50 grammi di speck tagliato a fettine (O pancetta. O un salume che ti va di mangiare. Appena ne provo un altro degno di nota lo segnerò qui).
  • un po’ di ricotta salata da grattare sopra (io l’ho usata piccante, ottima). Puoi sostituirla con qualsiasi formaggio tu voglia.
  • un po’ di pane per la scarpetta;
  • mezzo cucchiaio d’olio, poco sale.

Metti mezzo cucchiaio d’olio in una padellina (di cui possiedi il coperchio).

tumblr_p35impirjc1r0awsqo1_1280

Accendi la fiamma medio bassa e, appena l’olio si scalda un po’, spalmalo con della carta assorbente. In questa maniera ungerai tutta la padella e toglierai, allo stesso tempo, l’olio in eccesso (che tanto, in pratica, non ci serve).

tumblr_p35impirjc1r0awsqo2_1280

Fodera il fondo del padellino con lo speck.

tumblr_p35impirjc1r0awsqo3_1280

Ora rompi le uova e mettile sopra lo speck.

tumblr_p35impirjc1r0awsqo4_1280

Chiudi col coperchio ed attendi un minuto. 
Riapri e sala un pochino. Ma poco, poiché lo speck è sapido e tra poco aggiungiamo pure la ricotta salata.

Aspetta di raggiungere questo stato di cottura (ci vorranno sì e no due minuti):

tumblr_p35impirjc1r0awsqo5_1280

Adesso grattugia sopra un po’ di ricotta salata.

tumblr_p35impirjc1r0awsqo6_1280

Attendi che il bianco sia del tutto cotto, poi spegni subito la fiamma. Altrimenti il rosso diventerà sodo e noi questo non lo vogliamo.

Dovrebbe essere piuttosto semplice spostare le uova su un piatto, poiché lo speck eviterà l’attaccamento sul fondo.
Sui piatti dovresti avere questa cosina qui:

tumblr_p35impirjc1r0awsqo7_1280

Come vedi i rossi sono piuttosto liquidi, anche se non tanto liquidi come sarebbe stato se li avessi inseriti all’ultimo secondo. Ma io preferisco avere una base di tuorli sodi piuttosto che subire la Madonna che si autoinvita a cena perché le fischiavano le orecchie.

Ci ho cenato? Sì, anche se ho comprato una mozzarella di bufala per accompagnamento. Quindi vedi tu, se hai tanta fame un Piano B può fare comodo.

Ciao e buon appetito!

tenor2

Ciao!

Un pensiero su “Capita anche a te che la Madonna si autoinviti a cena?

  1. Pingback: Polenta con uova e pancetta. – La cucina e le bestemmie di Pizzakaiju

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...