La frittata margherita.

Da qualche settimana i miei video di cucina su TikTok vanno a rilento.

#dwedit from Does it need saying?

Ed ogni giorno mi incazzo guardando i miei tutorialbrutti sprecati.

Vanno, eh, le 15mila visualizzazioni se le pigliano, i commenti ci sono, le persone che replicano le ricette pure. Ma le esplosioni da 100mila visite sono lontane. Pure se ho proposto ricette anche più strane (e più ritmate) del risotto all’uva di sei mesi fa, ormai lo stupore è caduto e non faccio più notizia.
E ci sta. Anzi, sarebbe quasi da credere che sia una notizia positiva. Significherebbe che non siamo circondati da mezze persone disposte a ridere sempre sulla stessa battuta.
Solo che no, non è così.
Solo che è peggio, molto peggio.

#my gif from CityStompers

Talmente peggio che il Kaiju che è in me si è svegliato.

È da ieri online un mio video dove chiedo di scrivermi richieste culinarie e là sotto, tra una gricia ed una carbonara, c’è una tipa che mi chiede se posso stirarmi i capelli e mostrare il risultato. Un altro mi chiede di filmarmi mentre stiro.
Mando a fanculo tutti, ci mancherebbe. Ma poi penso.

#bbelcher from sign my tits, tom james!

Li mando a fanculo con stile, ovviamente.

Così stamattina, cazzeggiando, ho pulito male la cucina, come mio solito e mi sono filmata. 17 secondi di cretineria, 17 secondi che non fanno manco ridere. L’ho messo su Tiktok senza usare tag alcuno, quasi come un test antropologico.
In tre ore ha fatto quasi 50mila visualizzazioni e sei secondi fa mi sono connessa e c’erano ALMENO 50 commenti di insulti o critiche o roba acida. Pochi hanno lasciato invece un commento che mi ha fatto ridere, capendo sia l’intento del cazzeggio sia la necessità di non rompere i coglioni.

#userstream from fordsharrison

Dedicato al commentatore medio ritardato.

Però.
Cinquantamila visualizzazioni per guardarmi pulire MALE la cucina (e solo in tre ore, entro sera faremo almeno 80mila) è ASSURDO.
Mi chiedo cosa spinga la gente sia ad essere così critica ed incazzosa, sia ad essere morbosamente attratta dalla vita privata degli altri. Cazzo te ne frega di vedermi stirare? Perché vuoi sapere che lavoro faccio? Che te ne fai di conoscere il volto della persona che mangia con me?
Eppure ogni giorno ricevo domande e richieste al limite dell’assurdo, domande e richieste a cui non rispondo, ma che leggo.

Troppo facile liquidare ‘sti rincoglioniti con un lapidario Non hanno una vita. Ma perché, io c’ho una cazzo di vita? Mica sono andata in giro per templi maledetti, stamattina. Mica ho salvato il mondo. Mica sono un super eroe.

#bbelcher from was Luke-skywalker

Eh, magari.

No. Io stamattina mi sono svegliata, come ogni giorno ho bevuto il caffè, come ogni giorno ho fatto palestra, spesa, cucinato ed ora son qui che scrivo.
Guardo le storie instagram di chi seguo, tuttavia non sono ipnotizzata da quello che non mi mostrano. Non mi permetterei mai di porre domande personali, di pretendere di vedere cose che non c’entrano con il tipo di intrattenimento che queste persone hanno scelto di condividere online. Se uno parla di filosofia, perché dovrei volerlo vedere lavare la macchina? Perché dovrei essere interessato a sapere se ha figli, dove abita, qual è il codice fiscale?
Sono altre le domande che porrei, se dovessi porne.

50mila visualizzazioni per pulire la cucina. Male.
Assurdo.

#doctor who from was Luke-skywalker

Sì, ho capito, sto parlando dell’ovvio, però un po’ ci sono rimasta male lo stesso.

Assurdo quasi come la frittata pizza di oggi. Mangiandola ho fatto una scoperta sorprendente: a me non piace la pizza, a me piace il condimento SOPRA la pizza.
Non mi giudicare, ho scritto nefandezze ben peggiori, in fondo.

Go, go, go!

Image from Moishe Pipick's World of Wonders

All’idea della pizza frittata.

Useremo una teglia da 32 cm di diametro.

Per preparare una frittata Margherita, per due persone, hai bisogno di:

  • uova. Ne ho usate 8, peso complessivo di 400 grammi di uova;
  • 50 grammi di formaggio grattugiato;
  • 400 grammi di passata di pomodoro;
  • 100 grammi di mozzarella per pizza (ne ho usati circa 80, ma si può abbondare). Quando dico per pizza, intendo per pizza. Se vuoi usare la fiordilatte buona e poi la ricetta non ti viene perché quella caccia fuori l’acqua, cazzi tuoi;
  • uno spicchio d’aglio;
  • origano;
  • sale.

Comincia ad accendere il forno a 180 gradi.

In padella versa 400 grammi di passata di pomodoro, metti dentro un aglio intero ma scamiciato e schiacciato, sale ed origano.

Fai andare a fiamma bassa per cinque minuti o finché si sarà bella addensata.
Deve essere così:

Spegni ed occupiamoci del resto.

Uova nella ciotola. Pesale, perché veramente ne servono 400 grammi per coprire la teglia.
Sbatti brevemente (quel tanto che basta per unire rossi e bianchi), poi aggiungi il formaggio grattugiato ed il sale.

Sbatti per amalgamare.

Inzuppa della carta da forno, strizzala bene e fodera la tua teglia. Dovrai usare due fogli, perché la teglia è un po’ larga.
Sopra versa il composto di uova.

Inforna a 180 gradi per dieci minuti.
Nell’attesa riduci a dadini la mozzarella.

Dopo dieci minuti la frittata dovrebbe essere pronta: fai la prova dello stecchino. Deve uscirti asciutto.
Se non fosse asciutto, rimetti in forno, ovviamente.

Versa la passata di pomodoro e distribuiscila per tutta la superficie. Per fingere di brutto che sia una pizza, lascia lo spazio per il cornicione.

Sopra cospargi di mozzarella.

Inforna di nuovo. Sempre a 180 gradi per 5 minuti o comunque fino a quando la mozzarella si sarà sciolta.

Taglia la tua pizza frittata e davanti a te avrai una roba del genere, solo meno triste (ho già detto che faccio cagare come fotografo?):

Ciao e buon appetito!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...