Zucchine ripiene al forno

Il guaio è quando arriva il nulla.

Preparati, oggi post breve ma da suicidio.

Quando mi divampa la tristezza totale, il magone. Che di rado si trasforma in lacrime. Piango pochissimo, troppo poco. Il magone non trova sfogo.
Nel magone tutto non è nero. È senza colore.

Cerco di essere di buon umore più possibile. Non è facile, ma ci provo sempre. Sono indecisa: ci vuole molta forza o molta idiozia per fingere di stare bene?

Cerco di assecondare l’adrenalina dello sport, di farla durare più possibile.
Accendo la fotocamera, faccio il buffone. Condivido canzoni, cibo buono, cerco di fare qualche battuta.
Ma poi non ce la faccio. Poi spengo tutto, ad una certa, ed io non ce la faccio.

Sì, non sono molto di buon umore nelle ultime settimane.

Perché vivo circondata da succhiatori di energia.
Perché vivo nel loop totale della follia, in cui si sa già che il risultato sarà lo stesso, ma lo stesso ci speri.
Ci speri sempre meno, ma un po’ ci speri.
Altrimenti non avresti quel magone.
Oggi ho sentito una bella frase. Tutto quello che ho avuto nella mia vita, ed è tantissimo, l’ho avuto nonostante me.
Bella frase.
Ci ho riflettuto. Sono incapace di stilare un elenco di cose belle.
Belle per davvero e che non siano il mare, il cielo, l’odore di terra, il cibo. No, cose in più, quelle di costruzione umana, quelle per cui facciamo tanto casino correndo gridando piangendo scrivendo parlando ballando.
Non ci sono.
#disneyedit from oh the cleverness of you

Se lo dici tu.

Ma forse è giusto così.
Forse la vita è il mare, il cielo, l’odore di terra, il cibo.
Il resto arriva dal cinema, dai romanzi, dalle canzoni.
Ed io sono così idiota da scambiare l’arte per la vita.
Può essere.

Mangiamo, che è meglio.

Go, go, go!

Te l’ho detto che sarebbe stato breve.

Per preparare delle zucchine ripiene, per due persone, hai bisogno di:

  • 700 grammi di zucchine. Non è un numero esatto: prendile lunghe e grosse, in modo che si possano tagliare e scavare facilmente;
  • 100 grammi di ricotta di bufala. Ma tu usa quella che ti pare;
  • 50 grammi di pangrattato + una decina da mettere per gratinare;
  • 30 grammi di parmigiano + una decina da mettere per gratinare;
  • un uovo;
  • 40 grammi d’olio complessivi;
  • sale.

Accendi il forno a 190 gradi, modalità statica. 

Come ti dicevo, scegli delle zucchine abbastanza grandi da essere tagliate per metà e scavate. E dritte, pure, sennò sai le bestemmie.

Scava le zucchine con un cucchiaino, stando bene attenta a non spaccare i gusci.
Metti la polpa in una ciotola.

Trita la polpa con un mixer oppure a mano. Non cambia un cazzo. Non ci serve una pappa liscia, serve che sia lavorabile. 
Io l’ho fatta pure fin troppo liscia:

Aggiungiamo cose: sale, un uovo, i 100 grammi di ricotta, 50 grammi di pangrattato, 30 grammi di parmigiano.
Mescola tutto.

Ungi la teglia che hai deciso di usare con 20 grammi d’olio e poi mettici sopra le zucchine.
Salale una per una, poi riempile con il composto che hai preparato.

Cospargi con 10 grammi di pangrattato e 10 grammi di parmigiano, poi versa una ventina di grammi d’olio, cercando di coprire più superficie possibile.

Inforna per 50 minuti.
Ed ecco cosa dovresti avere davanti a te:

Ora, non mangiartele bollenti. Falle raffreddare. 
Da fredde danno il meglio.

Non basteranno per sfamarsi, ma qualcosa ti inventerai. Io le ho accompagnate con un po’ di tonno e di ricotta.

Ciao e buon appetito!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...