Tower Fish burger e maionese (tutorial)

Ho tolto la bilancia dal bagno. Per sempre? Vorrei direi di sì. Di sicuro lo spero. Diciamo che mi impegnerò con tutta la Forza per continuare a sfanculare quell’oggetto del demonio.

#dragon ball from DUHRAGON BALL
Ogni giorno è una battaglia contro le seghe mentali.

La questione è che ormai le sperimentazioni sono finite. Più o meno ho idea di quante calorie mi siano sufficienti per vivere E per avere risultati in palestra. So quali cibi mi distruggono il corpo (e la mente), so di cosa non posso fare a meno.
E so pure che non è che possa pretendere di allenarmi come mi alleno senza aumentare la massa muscolare e quindi il peso. Lo so, lo so, il PESO non è più un metro di misura. Il peso – anzi – dovrebbe aumentare leggermente ogni anno.
Il peso – infatti – aumenta ogni anno e il grasso diminuisce.
Allo specchio tutto va bene.
Però quel porcodio di numero mi massacra.

#mortal kombat from 5%
È che dentro me ho troppe personalità e spesso non vanno d’accordo. Ah, sì, ho bestemmiato.

Dopo l’ennesima crisi isterica, in questi mesi ho rimesso la bilancia in bagno e sono caduta di nuovo nella fissazione. Roba da pesarsi tre volte al giorno, pure. Ma anche di più, tre era nei giorni buoni. Senza motivo, se non quello di fissare un numero ed incazzarsi.
Quindi basta, fanculo, tolta e non ci si vede più.
Tanto il mio occhio è il più grande cagacazzo di sempre e di oltre: 4 mesi fa mi sono filmata in mutande, di spalle ed ho visto una roba che mi aspettavo.
Allenata davanti, dietro la tipa di Shining. O almeno così il mio cervello esagerato – ed il mio occhio cagacazzo di cui sopra – ha codificato quella roba molle che ballava.

Anatomy of a Scene's Anatomy: Fantasy, Reality, Passion, and Horror
Questa tipa qui.

In 4 mesi mi sono fatta il culo, ieri mi sono filmata, la donna di Shining è andata via quasi del tutto.
Mi peso, allora – tutta gioiosa – dopo qualche settimana di ignoranza numerica.
Il peso è AUMENTATO.
Mi riguardo allo specchio, il mio occhio ricomincia a vedere la signora di Shining.
Allora mi rifilmo. INGIGANTISCO LE IMMAGINI. Vado proprio nel dettaglio.
Il culo in slow motion.
E no, non c’è nessuna donna di Shining. Il numero della bilancia mente. Il mio cervello è altamente influenzabile.
Prendo la bilancia, la chiudo nello sgabuzzino. Rimarrà là per sempre.

#dwedit from faultless in spite of all her faults
Stammi vicino, che ne ho bisogno.

Ormai va di moda parlare di disturbi alimentari e gli unici che vengono presi in esame sono quelli come me, che controllano tutto quello che mangiano, cercando di riempirsi lo stomaco di cose anche discutibili ma di farlo cercando (la parola chiave è CERCARE) di restare in un range calorico non dannoso.
Ma entrando nel supermercato salta all’occhio che di disturbi alimentari soffriamo un po’ tutti, altrimenti non saremmo tanto immersi nella monnezza.
Mangiare serenamente ed essere in sovrappeso anche solo di dieci chili non è sinonimo di sanità mentale. È sinonimo di sindrome metabolica, che è un disturbo alimentare e pure una malattia fisica, che ci piaccia o meno pensarla in questa maniera,
C’entra poco l’accettarsi per come si è. C’entra il tipo di alimentazione e la quantità di grasso accumulato nel nostro corpo.
Io ho disturbi alimentari perché non mangio il cornetto al bar tipo mai, perché non so cosa contiene e perché quasi sicuramente mi farebbe ingrassare?
Può essere.
Ma tu che lo mangi ogni giorno e te ne freghi, non è che sei sano di mente. Sei solo disturbato in maniera diversa.
Insomma: la nostra vita è cibo e combattiamo in compagnia del cibo quasi tutto. Lo stress, la depressione. Festeggiamo, anche, in compagnia del cibo: la gioia, la compagnia.
Per nessuno cibo è sinonimo di alimentazione corretta.
Quindi inutile cagare il cazzo su chi sta messo peggio. È solo questione di scegliere quale e quanto cibo post atomico preferiamo o meno ingerire.

#crayon shin-chan from Kinasin Land
Questo che cazzo mangia, per dire?

Detto questo, oggi impariamo a preparare il fish burger (anche se non è difficile e poi è comunque una variazione di questa ricetta qui del pesce fritto) e soprattutto risolviamo il (non) problema della maionese che impazzisce.
Nel senso che io l’ho fatta, usando una ricetta a caso e mi è venuta.
Non ho capito dove fosse il problema, mi sembra una roba non sbagliabile.
Quindi ti passo anche questo.

#superman from Kinasin Land
Sì, lo so, sono un eroe.

Il panino vale la pena?
Massì, non vedo perché no.
Magari lo farei con un filetto solo e non con due, come ho fatto io. Ma a me l’idea di un Tower Fish piaceva, quindi ‘sticazzi.

La maionese invece è tanto facile da preparare quanto impossibile da conservare:
dopo tre giorni aveva già cambiato odore, quindi non è che valga proprio il lavoro. Ma imparare cose nuove mi piace, quindi finisce sul blog pure lei.

Go, go, go!

Tumblr: Image
Lo so, l’idea del Tower Fish fa impazzire pure te.

Per preparare la maionese hai bisogno di:

  • 1 uovo intero;
  • 200 grammi di olio di semi di girasole;
  • poco sale;
  • 10 grammi di senape;
  • 20 grammi di succo di limone e la sua buccia;

Per preparare il Tower Fish Burger hai bisogno di:

  • filetti di merluzzo. Io ne ho usati 2 che complessivamente pesavano 140 grammi, ma un pezzetto da un etto basta se non vuoi fare la tower;
  • 1 panino da hamburger, senza semi di sesamo sopra;
  • 30 grammi di maionese, da condire;
  • 30 grammi di cetriolini sottaceto;
  • 3 grammi di capperi sottosale;
  • un po’ di prezzemolo;
  • 2 fette di cheddar (più o meno 25 grammi);
  • 1 uovo + 25 grammi di farina + 25 di panko per la panatura (più o meno, potrebbero essere leggermente di più come leggermente di meno;
  • olio per friggere (io sempre olio extra vergine di oliva, tu fai come ti pare).

Partiamo dal preparare la maionese. Raccatta tutti gli ingredienti.

Il procedimento è così semplice da essere quasi imbarazzante.
Devi solo mettere tutto quanto in un boccale lungo, azionare il mixer ad immersione.
Il mixer deve essere BEN ADERENTE al fondo del boccale, non devi usare la massima potenza, devi azionarlo senza scatti e piano piano risalire il boccale.
Ci vorrà un minuto scarso: come per magia si formerà la maionese.

Già che ci troviamo condiamola per creare la salsa del nostro panino.
In un mixer metti i cetriolini sottaceto, i capperi BEN DISSALATI ed il prezzemolo. Trita tutto e poi metti il trito nella maionese.

Ora passiamo al pesce.
Il mio era fatto così, proprio a misura di panino:

Ma puoi usare anche dei filetti tagliati a mano, dalla forma dubbia. Alla fine quel che conta è che ti procuri del pesce.
Salalo leggermente sulle superfici.

In una ciotola sbatti l’uovo e metti il sale pure lì.

Passa il pesce prima nella farina, poi nell’uovo ed infine nel panko. Mi raccomando, infarina bene pure i lati.
Adagiali in un piatto ed ecco cosa dovresti avere davanti a te, per ora:

Tostiamo anche il pane.
Taglialo a metà, scalda una padella antiaderente senza aggiungere grassi.
Quando è bella calda adagia il pane, ogni tanto controllalo e quando sarà appena appena colorato puoi posarlo su un piatto.

Infine, la frittura.
Scalda bene l’olio e le raccomandazioni per la frittura sono le solite: non usare una fiamma a cannone perché non c’è bisogno, usa TANTO olio perché meno ne userai e più il cibo ne assorbirà e adagia i fritti ben distanziati, su un piatto foderato di carta assorbente. Quella carta dovrai cambiarla almeno un paio di volte, perché dobbiamo togliere l’unto in eccesso.

Comunque indicazioni più precise le trovi in questa ricetta qui.

Tutto è pronto, non resta che assemblare il panino.
Sulla base metti metà della maionese che hai preparato. Poi appoggiaci sopra un filetto.

Sopra una fettina di formaggio, poi altro filetto ed ancora salsa.

Altra fettina di formaggio e basta, chiudi e goditi il potere delle tue ginocchia.

Ciao e buon appetito!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...