Pomodori verdi fritti

Ho comprato una stufa ma non è ancora arrivata.
Mentre scrivo mi stan cadendo le dita dal freddo.
Siamo solo a dicembre, l’inverno non è manco iniziato e già ha rotto i coglioni.

#Kenshiro from Retro Boy
Che nervi, ancora tre mesi così.

L’Ellittica si è rotta e la mia palestra è diminuita, le passeggiate non si possono fare perché si gela (giusto in Animal Crossing splende il sole di continuo, qui c’è stato il Diluvio per una settimana) ed a me non resta che friggere.
Qualsiasi cosa.
Pure i pomodori.

Non li avevo mai mangiati i pomodori verdi fritti ed avevo questa curiosità dagli anni ’90, da quando ho visto il famoso film.
Non mi aspettavo un cazzo, invece sono BUONI.
Ma BUONI per davvero.

#doctor who from Doctor Who Gifs
Lo stupore del mio palato al primo morso.

Eh no, la regola del “fritto è tutto più buono” per me non vale. Anzi, di fritto di merda ne ho mangiato tanto e non tutto quello che esce dall’olio bollente migliora.
I pomodori verdi c’han tutto un loro perché.
Giuro.

È vero che i pomodori verdi sono velenosi?
In poche parole: no. Forse se mangiati in quantità esagerate e la scienza non ne è manco tanto sicura.
Poi inutile menarla con ‘sta roba, se tanto in credenza hai biscotti confezionati, nutella e altri pacchi di stronzate (che sono velenosi per certo, ma la tv non te lo dice perché l’industria alimentare paga miliardi per tenertelo più nascosto possibile).

E comunque non ho voglia di scrivere, devo andare a dissotterrare fossili in Animal Crossing, quindi sbrighiamoci.

Go, go, go!

#aim for the ace from Joy in 2-Dimensions
Sto esaurendo persino le gif pertinenti.

Per preparare dei pomodori verdi fritti, per due persone, hai bisogno di:

  • 500 grammi di pomodori verdi. Attenzione, poiché a volte sono verdi esternamente ma dentro sono già un po’ maturati. E non è che non li puoi friggere, è che sono molto più liquidi e ti verrebbe più difficile. Il mio consiglio è di comprarne il doppio del peso, così la sfiga pure se ci vede benissimo avrà comunque un lavoro più complesso;
  • 5 uova;
  • 150 grammi di pangrattato (no Panko, non viene bene uguale);
  • 40 grammi di farina;
  • sale e pepe;
  • un litro d’olio di oliva o extra vergine di oliva per friggere. Vuoi friggere con l’olio di semi? Fai pure, però sappi che è più dannoso, meno buono e pure friggere diventa più difficile.

Intanto partiamo col consueto Pizzakaiju&Friends. Ti presento i pomodori verdi.

Tagliali a fette abbastanza spesse e poi appoggiali su un vassoio ricoperto da carta assorbente. Così se cacciano dell’acqua, la facciamo assorbire.

Se hai proprio tanta, tanta, tanta sfiga e i pomodori risultassero acquosi, potresti cospargerli di sale e farli riposare per un’oretta, ma io ti auguro di avere comprato i pomodori giusti.

Ora prepara un vassoio con della farina, uno con del pangrattato e in una ciotola sbatti le 5 uova col sale. Ti assicuro che 5 uova sembrano tante, ma a me son servite tutte.

La panatura la facciamo DOPPIA.
Metti sale su ogni pomodoro.

Quindi immergi ogni fetta prima nella farina:

Poi nell’uovo.

Poi nel pangrattato:

Poi di nuovo nell’uovo e di nuovo nel pangrattato.
Avranno questo aspetto:

Adesso possiamo friggere.
Si tratta di una frittura ad immersione, quindi scegli un pentolino adatto.
Fai scaldare l’olio ed appena è a temperatura (e per saperlo ti basta inserire nell’olio poco pangrattato e se frigge, ci siamo) inserisci un pomodoro.
Attendi che inizi a friggere bene bene, poi aggiungi altre fette.
Puoi friggerne tanti per volta, 4 o 5, ma stai attenta che la temperatura non diminuisca.
Non c’è bisogno di termometri ed altre stronzate: basta usare olfatto e vista.
L’olio deve friggere in maniera decisa, non devi vedere fumo uscire dall’olio (sennò significa che stiamo per bruciare tutto). Non usare il lanciafiamme, se vedi che si alza troppo la temperatura allontana il padellino della fiamma.

Ogni tanto gira i pomodori e tieni conto che ci vogliono circa 5 minuti a pomodoro (forse pure meno).

Quando saranno belli colorati (del colore che ti piace, non è che ci sia una regola) togli i pomodori e falli riposare su un piatto ricoperto da carta assorbente.
Dovrai cambiare quella carta diverse volte, deve risultare asciutta. Altrimenti ti mangi l’olio ed anche no.
Alla fine avrai questo:

Cospargi con sale e pepe e mangia, te lo sei meritato.

Ciao e buon appetito!