Zuppa di cipolle

Questa zuppa può creare forte disagio nelle persone che avrai intorno a te.

#gegege no kitaro from Horror Japan
Disagio di questo genere.

Buona è buona, ma puzzerai un po’ ovunque, ti riempirai di aria e ti gonfierai.
Perché mangiarla, allora?
Perché è buona.
Tanto buona.
E calda.

#bbelcher from beating like thunder
Esagerato.

Zuppa di cipolle, senza pane ammollato dentro perché a me il pane ammollato nelle zuppe fa cagare ed ormai lo sai.
La parte più difficile è pelare le cipolle, perché tanto potrai fare quello che vuoi: metterti l’acqua in bocca, saltellare su un piede solo, bagnare la lama del coltello o mettere le cipolle in lavatrice. Piangerai lo stesso.
L’unico vero rimedio è tagliare all’aria aperta, ma capisco che a dicembre non sempre si possa avere la possibilità.
Magari indossa la maschera da sub, anche quella funziona.

Go, go, go!

#animationsource from quel night;
Precipitarsi in cucina.

Per preparare una zuppa di cipolle, per due persone, hai bisogno di:

  • un chilo di cipolle. Peso preso dopo la pulizia, quindi comprarne circa il doppio;
  • 40 grammi di burro;
  • sale, pepe nero;
  • 15 grammi di farina;
  • un bicchiere di vino bianco;
  • brodo vegetale da preparare con sedano, carota, cipolla e sale;
  • 100 grammi di groviera od altro formaggio simile;
  • pane da accompagnamento.

Prepara il brodo vegetale: pela la carota, tagliala a pezzi e mettila in pentola. Pela una cipolla, tagliala a metà e metti pure lei in pentola. Taglia a metà il sedano e via, in pentola.
Versa circa 2 litri d’acqua, aggiungi il sale grosso, chiudi col coperchio e porta a bollore.
Come bolle sposta sulla fiamma più piccola che hai, abbassa la fiamma al minimo e fai sobbollire per un’oretta.

In questo tempo mettiti l’anima in pace e pela le cipolle.
Le devi tagliare poi a pezzi, non troppo piccoli.
Tagliale prima a rondelle, poi smonta le rondelle spingendo i cerchi interni.
Otterrai una montagna di roba:

Grattugia il formaggio.
Taglia il pane a fette.

In padella metti 40 grammi di burro.

Appena si scioglie unisci le cipolle, chiudi col coperchio e fai stufare a fiamma bassissima per 40 minuti. Ogni tanto apri, gira, stai attenta che non si attacchi e nel caso puoi aggiungere un po’ di brodo vegetale.

Quando mancano dieci minuti, accendi il forno a 220 gradi.

Saranno così:

Aggiungi la farina, mettendola un po’ ovunque, come se la stessi setacciando.

Mescola bene con un cucchiaio di legno, non formare grumi.
Aggiungi poi sale e pepe bianco, senza esagerare col pepe che sennò poi ti incazzi.

Poi aggiungi il vino bianco (un bicchiere scarso va bene, circa 150 grammi), alza la fiamma e fai evaporare.

Metti il pane in forno, che ci siamo quasi.
Versa anche del brodo nelle cipolle, non tanto, perché non deve diventare una minestra:

Fai cuocere per 5 minuti, a fiamma bassa, mescolando spesso. Aggiungi il brodo poco per volta, quel che serve per completare la cottura, ottenendo la densità che piace a te.
Quando il pane è bello abbronzato, puoi spegnere anche le cipolle.

Versa le cipolle in contenitori adatti al forno. Tipo queste ciotole di coccio.

Ricopri col formaggio che hai grattugiato.

Ora vai in forno: 220 gradi per 10 minuti, poi metti solo la resistenza superiore ed il grill, se ce l’hai, per avere una bella crosticina. Ci vogliono altri due minuti, ma vai a occhio.
Devi raggiungere una roba bruciacchiata.

Armati di pane e mangia, te lo sei meritato:

Ciao e buon appetito!