Pesto di prezzemolo

Riassunto delle puntate precedenti: un pesto non deve per forza annegare nell’olio. Una volta olio e aglio erano indispensabili per la conservazione. Un po’ come un tempo ingrassare la padella con sugna o altri grassi maialosi era fondamentale se non volevi che si attaccasse tutta la Madonna.
Però i tempi cambiano, i figli crescono, le mamme imbiancano e le padelle sono costruite con altri materiali, quindi niente sugna. Ed il cazzo di pesto, dato che tanto lo trita il mixer e non stai a pigiare col mortaio (perché nel frattempo abbiamo inventato le palestre, quindi i bicipiti li alleniamo in altra maniera) non c’ha bisogno di tanto olio. Se lo vuoi fluido puoi aggiungere acqua, anzi, sarà pure più buono perché si sentiranno di più i sapori che hai inserito nella tua pappetta.

#morgan jones from The Walking Dead gifs
Ecco il tipico conservatore che all’idea dell’acqua nel pesto si sente male.

E l’aglio non deve conservare una ceppa, visto che il pesto te lo mangerai tutto e subito. Quindi se non ti piace, non metterlo.

Per fortuna il mio razzismo non mi fa ascoltare gli esaltati conservatori che comprano Buitoni però ricordano con nostalgia i bei tempi in cui la nonna il mortaio il paiolo le mezze stagioni.

Go, go, go!

#90scartoons from 90s Cartoons

Per preparare il pesto di prezzemolo, per due persone, hai bisogno di:

  • prezzemolo. Tanto. Grosso modo 20 grammi di foglie, ma anche metterne di più va benissimo. Se compri le scatole del supermercato, ne basta una;
  • 30 grammi di noci;
  • 20 grammi di olio. 30 se proprio vuoi esagerare;
  • acqua per allungare, questa non ha una misura perché dipende come vuoi tu il pesto;
  • 1 grammo di aglio (2 massimo) (che poi si traduce in un quarto di spicchio, grosso modo);
  • sale;
  • 5 acciughe sott’olio.
  • 180 grammi di pasta o 500 grammi di gnocchi.

Metti l’acqua della pasta a bollire.

Puoi usare il mixer a immersione oppure quello normale, non cambia molto. E puoi farlo granuloso come liscio, a te la scelta.

Trita innanzitutto le noci.

Aggiungi poi il prezzemolo (solo le foglie), un po’ di sale e i 20 grammi d’olio.
Trita tutto, ogni tanto riapri o smuovi con un cucchiaio se il mixer non riuscisse a tritare bene.
Poi dovrai aggiungere acqua.
O olio, certo, se pensi che sia necessario perché ti piace un sapore più forte. Ma io non te lo consiglio: il prezzemolo ha un gusto leggero, quindi 20 grammi d’olio sono sufficienti. 30 se proprio ti senti generosa.
Quello che devi aggiungere è l’acqua, dicevo, e devi valutare tu quanta: vuoi un pesto granuloso? Poca. Lo vuoi molto liquido e fluido? Di più.
Niente pesi, valuta. Poca per volta, eh, che non stai facendo una zuppa. Usa un cucchiaio.

Il mio è granuloso:

In una padella fai sciogliere a fiamma bassa le acciughe.

Scola la pasta un minuto prima del tempo indicato sulla confezione, concludi la cottura nella padella.
Spegni ed aggiungi il pesto.

Mescola bene, se occorre puoi aggiungere un po’ di acqua di cottura.
Ecco cosa dovresti avere davanti a te:

Prepara le porzioni e mangia, te lo sei meritato:

ciao e buon appetito!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...