Peperoni ripieni al forno

Comunque Melville non sa scrivere.
Altrimenti non mi spiego come tutto quello che riguardi storia e scene d’azione venga relegato in 5 righe striminzite, quando addirittura non in un TITOLO.
Si è dilungato per circa 80 pagine sull’operazione di smantellamento della balena (che sarebbe stato anche interessante, se solo l’avesse scritto qualcuno capace invece di uno che riesce solo a fornire elenchi di citta, nomi, cose, colori) e quando Achab ammazza una bestia sai dove lo racconta? NEL TITOLO DEL CAPITOLO. Stop.

#filmedit from don't make me kill you
Io così, basita.

Mi mancano 30 pagine alla fine del romanzo. Per tutto il tempo si è parlato di corde, fiocine, lance e si sono fatti discorsi altissimi e inutili. Il vero protagonista di tutto è il nulla e l’unico personaggio che sfracassa le palle col suono della sua voce è Stubb, che in teoria dovrebbe essere (lo ricordo, eh) un marinaio indurito e ignorante, ma in realtà ha più cultura di un uomo medio del 2021. E parla in un modo che manco Dante.
Moby Dick? Achab? Robe di contorno, che pochissimo c’entrano con le 600 pagine lette. Mi aspetto che Moby Dick sia come quella cazzo di slitta di Citizen Kane. Rosebud qui, Rosebud lì, film di tre ore e mezza e poi mistero svelato nell’ultima inquadratura.

Sì, Rosebud è la cazzo di slitta.

Quindi mi aspetto Capitolo Ultimo: Moby dick muore. E poi in realtà il capitolo parlerà del materiale di cui sono fatte le funi della nave e si concluderà con elenco di nomi di archeologi specializzati in civiltà fenice i cui comportamenti erano simili (in cosa BOH) ai fabbri delle navi delle baleniere.
Perché Melville fa solo questo. Scrive stronzate.
E la storia? Per la storia mi sa che dobbiamo vederci il film.

Ma ci sono balene in questo libro di balene?

Ma son ben 4 minuti e mezzo che non parliamo di feta, quindi rimediamo subito.
Go, go, go!

Per preparare dei peperoni ripieni, per due persone, hai bisogno di:

  • 2 peperoni grossi. Prendi quelli più grossi che trovi, perché il ripieno sembra poco ma in realtà avrà bisogno di un sacco di spazio;
  • 400 grammi di pomodorini;
  • 2 confezioni di feta ((200 grammi l’una);
  • 100 grammi di olive nere;
  • origano, pepe;
  • 10 grammi d’olio complessivi.

Accendi il forno a 180 gradi, che non è che ci sia molto da fare.

Taglia il peperone in due parti. Puoi tenere il picciolo come no, cambia una ceppa.
Leva le parti bianchi e più semi possibile.

Sciacqua bene la feta sotto l’acqua, così togli l’acqua e sale in cui è conservata. No, la feta non sa di sale. Sa di sale solo perché non le fai il bagnetto.

Mettila poi in una ciotola e condiamola con 200 grammi di pomodorini tagliati a pezzi, 50 grammi di olive tagliate a metà, origano ed un po’ di pepe. Impasta tutto con una forchetta.

Durante la lavorazione.

Riempi i peperoni, aiutati con un cucchiaio e premi bene per fare aderire il ripieno.
Cospargi con poco olio (saranno 5 grammi a peperone, circa).

Vai in forno, 180 gradi per 40 minuti.
Poi fai raffreddare un po’.

Attendi almeno 10minuti per mangiartelo, sennò ti ustioni male.
Mettilo sul tuo piatto preferito e niente, siamo pronti per questo pasto BOMBA (e attento che non ti esploda nel culo).

Ciao e buon appetito!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...