Polpettone ligure

Il polpettone ligure niente ha a che vedere con il polpettone che dici tu: non è fatto di carne, non è a forma di salsicciotto.
È più una specie di farinata (sottile e croccante) composta di patate e fagiolini.

E adesso ti insegno a farlo.
Go, go, go!

#the sweetest thing ever made from It's Senna It's Love
Sognando il polpettone ligure

Useremo una teglia con un diametro di 32 cm (26 cm di superficie effettiva, ricordo che il diametro delle teglie si misura sempre da manico a manico, che è più largo);

Per preparare un polpettone ligure, per due persone, hai bisogno di:

  • 600 grammi di patate, peso preso dopo la pulizia;
  • 500 grammi di fagiolini, peso preso dopo la pulizia;
  • 2 spicchi d’aglio;
  • 1 uovo;
  • 10 grammi d’olio + altri 20 da usare in tempi diversi;
  • origano o maggiorana;
  • 60 grammi di pangrattato;
  • burro per imburrare la teglia (5 grammi scarsi).

La cosa più lunga sarà cuocere le patate e i fagiolini, entrambi cotti in vapore.
Prima le patate: le lavi, le peli, le tagli a tocchetti e le metti nel cestello a vapore.
La cottura a vapore non te la spiego più, ormai la conosci.

Quando sono pronte le togli e metti i fagiolini, ovviamente puliti pure loro e tagliati a metà. Come si puliscono i fagiolini? Si tolgono le estremità, ma pure queste cose te le ho già spiegate in passato.

Le patate avranno bisogno di 25 minuti, i fagiolini anche di più. Quindi porta pazienza.

Fatto questo il più è fatto.
Schiaccia le patate con uno schiacciapatate, poi mettici il sale.

Taglia i fagiolini a pezzetti piccoli, da due o tre centimetri massimo.

In una padella versa 10 grammi d’olio, spremi uno spicchio d’aglio con lo spremi aglio, fai scaldare e poi metti i fagiolini. Falli insaporire per qualche minuto ed a fine cottura aggiungi il sale.

Accendi il forno a 180 gradi che ormai ci siamo.

Nelle patate metti origano, un uovo, un altro spicchio d’aglio sempre spremuto con lo spremiaglio e mescola tutto.

Aggiungi anche i fagiolini e mescola ancora. Devi ottenere un composto supermorbido.

Imburra bene la tua teglia, versa 30 grammi di pangrattato: deve ricoprire bene tutto il fondo ed anche un po’ i bordi.

Spalma all’interno il tuo composto, cercando di creare uno strato di 2 centimetri più omogeneo possibile.

Sopra versa altri 30 grammi di pangrattato e poi cospargi 20 grammi d’olio.

Possiamo infornare: 180 gradi per 45 minuti, poi se la vuoi più abbronzata puoi alzare a 200 e starci dietro senza sputtanare tutto il lavoro carbonizzandola.

A fine cottura dovresti avere una roba del genere.

Croccante sotto e sui lati, croccantina pure sopra e morbida sopra: ecco a te la farin… ehm, il polpettone ligure.

Ciao e buon appetito!