Pasta zucca e gorgonzola

Ma che cazzo devo scrivere.
Andiamo a mangiare e basta.

Go, go, go!

#a nightmare on elm street 2 di [sad chainsaw noises]

Per preparare una pasta con zucca e gorgonzola, per due persone, hai bisogno di:

  • 180 grammi di calamarata o altra pasta corta bucata (o altra pasta che ti pare);
  • 400 grammi di zucca, peso preso dopo la pulizia. Comprane un po’ di più che della zucca si butta via parecchio. Con un chilo e mezzo dovresti essere a posto (poi dipende dal tipo di zucca);
  • 50 grammi di gorgonzola + altri 50 a testa da mettere sui piatti. Io uso il gorgonzola piccante, ma io abito anche al sud dove il gorgonzola più saporito sa di mascarpone. Vedi tu.
  • 10 grammi d’olio;
  • mezza cipolla rossa:
  • sale, pepe.

Comincia con il tagliare a pezzi piccoli la zucca, che ci vuole il suo tempo.
Metti pure l’acqua della pasta a bollire.

In padella fai scaldare 10 grammi d’olio e fai soffriggere la mezza cipolla rossa tritata.
Dopo qualche minuto (quando la cipolla sarà ammorbidita) aggiungi la zucca, il sale, una mestolata di acqua e chiudi col coperchio.
Fiamma bassa, fai andare per circa 20 minuti, fino a quando sarà ammorbidita.

Togli dal fuoco e trita tutto col mixer ad immersione.
Aggiungi 50 grammi di gorgonzola, mescola finché sarà sciolto.


Scola la pasta un paio di minuti prima del tempo indicato sulla confezione e concludi la cottura in padella: fiamma alta, bagna con l’acqua.

Sui piatti cospargi di pepe e poi butta sopra tutto il gorgonzola che vuoi. A fiocchetti, con le dita. 50 grammi a testa dovrebbero bastare, ma chi sono io per fermarti.
Perché non abbondare all’interno della zucca? Perché in realtà il sapore si perde parecchio, fa più contrasto direttamente sui piatti.

Sì, non ho fotografato i fiocchi di gorgonzola. Arrestatemi.

Ciao e buon appetito!

Minestrina alla greca

Zero voglia di scrivere.

E di cosa, poi? Di viaggi del tempo? Di quanto Asimov sia sopravvalutato? Del capitano Archer dell’Enterprise? Eh, se solo non avessi lo stomaco così pieno… e se solo non fossi sotto il piumone, al caldo, a digerire…

No, esco dal letargo solo perché ho accumulato un paio di ricette, ma di altre parole al momento non ho bisogno.
Quindi go, go, go!

#dragonball di ChessboxingStreetwear


Per preparare una minestrina alla greca, per due persone, hai bisogno di:

  • 200 grammi di pastina;
  • 200 grammi di pomodori grandi;
  • una stecca di cannella. Certo, puoi usare quella in polvere ma non è la stessa cosa. Per un sapore più intenso la stecca la spacchi a metà, altrimenti la lasci intera;
  • 100 grammi di feta;
  • 30 grammi d’olio. Se non ci fosse tanto olio non sarebbe una ricetta greca, quindi guai ad abbassare;
  • cipolla bianca (mezza o una, a seconda dei gusti);
  • sale e pepe;
  • cannella in polvere da aggiungere sui piatti (facoltativa, se serve).

Metti dell’acqua a bollire (salata) e partiamo.

Ti presento la cannella, spaccata a metà perché il mio palato ignorante non sentirebbe il suo sapore, altrimenti:


Questa pesava circa 3 grammi, per darti un’idea.

I pomodori non devi tagliarli a pezzi, in teoria dovresti grattugiarli. Ma siccome grattugiare un pomodoro è un’operazione satanica (provaci, poi mi dici), il mio consiglio è di usare il mixer. Premendo a scatti, finché non raggiungi questa roba:

La cipolla invece non va tritata finemente, ma a pezzotti.
La feta va sciacquata sotto l’acqua per togliere l’acqua e sale. Ovviamente se la compri fresca non ha bisogno di essere lavata (ma ho imparato che non esiste l’ovvio, sul web).

Appena l’acqua bolle, si parte.

30 grammi d’olio (sì, sono tanti, ma ci stanno tutti) in un pentolino antiaderente, appena è caldo metti la cipolla.

Gira spesso, deve essere ammorbidita. Ci vorranno circa 4 minuti.
Aggiungi poi pomodori, cannella, sale e fai insaporire.

Appena il tutto soffrigge per bene, aggiungi tutta la pastina.
Adesso facciamo una cottura tipo risotto, con pochissima acqua, che aggiungiamo mano a mano che la pasta la assorbirà. Tieni conto che la pastina ha comunque bisogno di pochissimo tempo di cottura, quindi quando dico che serve poca acqua, intendo davvero poca.
Stacci dietro, fiamma medio alta (deve bollire), gira di continuo sennò si attacca (ed ecco perché ho specificato pentola ANTIADERENTE).

Alla fine dovrà essere super asciutta. Così:

Sui piatti metti pepe, 50 grammi di feta su ogni porzione (fidati: bastano) ed ecco cosa dovresti avere davanti a te:

Se la cannella si fa poco sentire (a me è successo), puoi aggiungerne in polvere (ci sta benissimo).

Ciao e buon appetito!

Pasta con crema di peperoni e tonno

Tornerà il giorno delle ricette lunghe e dei post verbosi? Ah, boh… già è tanto che aggiorno.
E già è tanto se trovo qualcosa da proporti, vista la mia pochissima voglia di vivere.
Non passa giorno in cui non desideri chiudere ogni social, tornando al blog e basta. Prima o poi capiterà, ogni ora potrebbe essere l’ultima.
Nell’attesa, ennesima crema di peperoni.

Go, go, go!

#my gif di Raiders of the Lost Tumblr
Eh, sì, l’internet mi ha sfracassato i coglioni ed io non ne posso più.

Per preparare una pasta con crema di peperoni e tonno, per due persone, hai bisogno di:

  • 180 grammi di pasta. Corta, lunga, come ti pare. Io ho usato una roba tipo elicoidali;
  • 500 grammi di peperoni misti, peso calcolato dopo la pulizia;
  • 100 grammi di tonno sott’olio;
  • 10 grammi d’olio;
  • uno spicchio d’aglio;
  • prezzemolo.

Taglia i peperoni a pezzetti, ,togliendo semi e parte bianche.
Metti intanto dell’acqua a bollire.
In una padella fai soffriggere un aglio intero (ma scamiciato) con 10 grammi d’olio. Stacci dietro, non farlo scurire perché così non insaporisce ma fa puzzare solo tutto di bruciato ed amaro. Togli poi l’aglio, metti i peperoni ed il sale.
Fai andare a fiamma bassa, coperto, finché i peperoni saranno morbidi. Più o meno ci vorranno 15 minuti.

Aggiungi il tonno ben sgocciolato e trita tutto.
Puoi anche calare la pasta, ormai abbiam finito.

Se vedi che mentre frulli dovesse essere troppo secco (ma dubito), aggiungi un po’ d’acqua.
Metti la crema ottenuta in una ciotola, non la scaldiamo più, non serve.

Prepara la pasta, mettila nella ciotola, mescola, prepara i piatti ed aggiungi il prezzemolo tritato.

Davanti a te dovresti avere una roba del genere:

Ciao e buon appetito!