Fusilloni artigianali con tuttecose.

Sembra una pasta svuotafrigo e invece no, perché io la spesa la sono andata a fare, con la lista, lo zainetto ed il walkman con le batterie carichissime che non si sa mai.

Che suonava Jump, perché siamo tutti anni ’80.

Però sembra una roba con dentro cose a caso. Cose a caso che giuro stanno tutte bene unite e formano la squadra perfetta salvamultiverso (tipo i Fantastici 4 o i Bee Hive). Poi, per una volta che capita c’hai poco da lamentarti: non ti sto infatti proponendo un piatto che devi preparare sei ore in anticipo. Sei minuti e mezzo e via, si mangia.

Se trovi pure la pasta a forma di alieni, poi, diventa pure una figata stratosferica intrisa di cultura pop e ti puoi fare la foto ed urlare Quanto sono nerd.

È una aglio olio e peperoncino? No, perché non è abbastanza piccante. In più dentro troviamo della granella di pistacchi (non salati, chiaro), della menta e pure la mozzarella di bufala. Che, ti ricordo, non si cuoce MAI.
Se lo fai Reed Richards ti punirà come meriti.

Wolverine sarà anche il migliore in quello che fa, ma di sicuro non ha capito niente di mozzarelle.

Ho rubato la ricetta a L’angolo della casalinga, cambiando però le dosi: ho trasformato un piatto sobrio, per canarini, in una roba di quelle per gente massiccia, come siamo noi.

Noi.

Quindi Go, go, go!

Per preparare dei fusilloni con tuttecose, per due persone, hai bisogno di:

  • 180 grammi di fusilloni artigianali. Non è obbligatorio, ma fanno una bella figura. Altrimenti usa un’altra pasta lunga, ovvio;
  • 30 grammi di granella di pistacchi. Non salata, non zuccherata;
  • 250 grammi di mozzarella di bufala (dose molto alta, probabilmente ne userai meno);
  • 40 grammi d’olio;
  • 2 spicchi d’aglio;
  • peperoncino fresco. O secco. Ma non eccedere: deve dare un buon sapore di piccante, senza però distruggere la freschezza della mozzarella;
  • 15 foglie di menta.

Metti l’acqua della pasta a bollire.
In un padellino caccia dentro la granella di pistacchi e falla tostare: accendi una fiamma media, gira spesso e sentirai piano piano l’odore dei pistacchi cambiare. Ci vorranno 5 minuti. Poi lasciali da parte, lontani dal fornello.

Versa 40 grammi d’olio in una padella, falli scaldare e poi cacciaci dentro due spicchi d’aglio interi ma scamiciati e del peperoncino tritato.

Fai soffriggere brevemente, giusto un paio di minuti.
Poi spegni la fiamma, aspetta che tutto si raffreddi (magari allontana la padella dal fornello caldo, così la temperatura si abbassa prima) e poi metti una decina di foglie di menta sminuzzate.

Mentre attendi la pasta riduci a dadini la mozzarella.
Non usare un tagliere ma un piatto, poiché la mozzarella caccerà latte e se lo fai sul tagliere versi liquido per tutta la cucina.

Ricordati di accendere il fuoco sotto la padella un minuto prima dell’arrivo della pasta, così sarà calda quando dovremo terminare la cottura.

Scola la pasta al dente (un paio di minuti prima del tempo indicato sulla confezione), togli l’aglio che tanto ha esaurito il suo scopo e fai saltare il tutto in padella a fiamma bella alta, girando di continuo. Concludi qui la preparazione.

Abbiamo finito, dobbiamo solo preparare i piatti.

Su ogni porzione caccia sopra la granella di pistacchi tostata, 125 grammi di mozzarella e qualche altra foglia di menta (che fresca farà una figurissima).
Ecco cosa dovresti avere davanti:

Sei pronta per fare la pappa, che te lo sei meritato.

Ciao e buon appetito!

Crema di zucca con speck croccante e granella di pistacchi.

Siccome ormai sono entrata nel tunnel della sperimentazione culinaria (ed un po’ è anche colpa tua, perché prima di aprire ‘sto blog mangiavo pizza almeno 2 volte a settimana e pollo arrosto anche tre) oggi prepariamo sì una vellutata di zucca, ma con un paio di fighettate dentro.

Che ti sarebbe piaciuto prendere la zucca, metterci l’acqua, frullarla e mangiarla. E invece no, invece lavori.

tenor1

Contieni lo sdegno, per favore.

Ne vale la pena, tutte le piccole aggiunte sono state perfette e quindi è una cena che ti consiglio. Come ogni volta che preparo una vellutata, non è stato piatto unico ma d’accompagnamento per della carne alla griglia. Quindi vedi tu se pensi ti debba servire altro per riempirti la panza.

Cominciamo.
Go, go, go!

tenor2

Vedrai che poi sbavi.

Per preparare la vellutata di zucca, per due persone, hai bisogno di:

  • un chilo di zucca, peso calcolato già senza buccia. Tieni conto che se compri quella con molti filamenti e la superbuccia, è meglio se ne acquisti almeno un chilo  e mezzo;
  • acqua calda;
  • 100 grammi di speck tagliato a fettine sottili;
  • 30 grammi di granella di pistacchi;
  • uno scalogno;
  • 10 grammi d’olio + altri 10 da mettere sui piatti (5 a testa);
  • sale, pepe;
  • rosmarino secco;
  • 30 grammi di parmigiano grattugiato,

Inizia mettendo una pentola d’acqua a bollire.
L’ho già detto in passato, ma lo ripeto: non ha senso preparare un brodo vegetale quando si cucinano delle verdure, sempre se quest’ultime sono buone. In questa nostra vellutata c’è già tutto: la zucca, il pepe, il sale, lo scalogno e l’olio. A cosa servirebbe un dado o del brodo vegetale preparato in casa, se non ad aggiungere sapori che non ci occorrono?

tumblr_oewb779tr21s3mlhro1_500

Non ci avevi pensato, eh? Quanto stupore, sul tuo viso.

Mentre aspetti, occupati della zucca.
Devi tagliare tutta la parte esterna e togliere semi e parti filamentose. Riducila poi a cubotti di media grandezza.

Appena l’acqua bolle, in una pentola piuttosto capiente caccia un cucchiaio d’olio, lo scalogno tritato, del rosmarino e la zucca.
Metti l’acqua calda che hai preparato, cercando di coprire metà della zucca o poco più.

Chiudi col coperchio ed appena l’acqua riprende a bollire, fai cuocere il tutto a fiamma media per 15 minuti o comunque fino a quando la zucca sarà abbastanza morbida da essere tritata col mixer ad immersione.

Nel frattempo prepariamo gli altri ingredienti.
Gratta 30 grammi di parmigiano a polvere. Così si scioglierà senza formare inutili grumi e le darà anche un sapore omogeneo, che non guasta.

Se non hai trovato la granella di pistacchi, avrai trovati i pistacchi interi. Quindi tritali grossolanamente col coltello.

tumblr_oyq9bwdhap1r0awsqo5_1280

Ed ora lo speck.

Scalda a fiamma media la padella più antiaderente che hai e adagiaci sopra lo speck. Fallo bruciacchiare bene su ogni lato, un minuto per parte (anche meno, dipende quanto lo vuoi croccante).

Appoggia lo speck ormai cotto su una griglia a sua volta appoggiata su un piatto, per raccogliere il grasso che potrebbe ancora uscire.

Nel frattempo la zucca dovrebbe essersi ammorbidita.
Trita tutto col mixerino ad immersione.

Ora devi valutare la corposità della crema. È chiaro che è una questione di gusti (ti può tranquillamente piacere più liquida) ma per me il risultato ottimale è una crema densa, ma non troppo.

Riaccendi la fiamma, aggiungi sale e pepe e mescola tutto molto bene. Se ti pare troppo liquida, continua la cottura finché ti pare (non rovini niente, non si brucia niente, sappi che alla zucca non gliene frega un cazzo). Se devi fare evaporare, non usare una fiamma troppo bassa, che ci metti sei secoli e mezzo.

Se dovessi trovare dei pezzi di zucca tritati malamente, puoi anche decidere di dare una seconda passata col mixer. Se invece ti piace averne dei pezzetti, non fare niente.

Una volta che raggiungi la consistenza che desideri, spegni la fiamma ed aggiungi il parmigiano.
Ora formiamo i piatti.
Prima la zuppa:

tumblr_p8qfdjd6vt1r0awsqo6_1280

Poi l’olio, i pistacchi ed infine spezzetta lo speck.

Dovresti avere raggiunto questo risultato:

Brava, complimenti per questo ennesimo piatto meraviglioso.

giphy

Novanta minuti d’applausi.

Ciao e buon appetito!