Gnocchi e vongole out of spice (+ tra Lovecraft e Nicolas Cage)

La questione è che io, un po’ – un pochino, pochissimo, quasi un’inezia – nel leggere Lovecraft mi cago il cazzo.

Qualcosa di malefico, di malsano, di impalpabile, di orrorifico, di terrorizzante, qualcosa che la mente umana non sa comprendere né toccare, mi sta venendo a prende… ah, no, è solo Jason.

Credo sia l’unico scrittore di cui ho letto tutto e più di una volta. Poiché – non lapidatemi – il suo stile di scrittura è così simile a se stesso, che la mia mente fatica a distinguere un racconto da un altro. Quindi devo ripassarlo.
Un po’ come quando guardi la filmografia di un regista tutta di seguito: dopo un po’ la tua mente assembla tutti i film insieme. Adoro Bergman, ma divido la sua carriera in due o tre filoni e in quei filoni non so distinguere la paternità delle varie scene.

Hai 3 secondi per dirmi da dove arriva questo.

Con Lovecraft ho lo stesso problema ed ho anche il tedio che l’immensità delle sue descrizioni a volte mi provocano. Non finiscono più. E dopo un po’ anche basta.
Ci sono dei racconti che mi si sono stampati nel cervello, racconti che i miei neuroni si raccontano la sera l’un l’altro per paura di dimenticarli. Altri, meh. Ed Il Colore Venuto dallo Spazio era uno di questi.

Scommetto che questa, in 3 secondi, la cogli subito.

Mentre guardavo Nicolas Cage e famiglia cucinare, andar nell’orto, curare gli alpaca e sclerare, cercavo di riportare alla mente il racconto di riferimento.
VUOTO ASSOLUTO.
Forse è stato meglio così, perché mi sono goduta il film senza valutare differenze o somiglianze, lasciandomi trasportare in una roba che giusto Yuzna ai tempi d’oro.

Te la ricordi la corruzione della carne che negli anni ’80 non guardava nessuno ma che ora sono piccoli gioielli cult? No? Mi sembra giusto.

Come sempre non ho alcuna intenzione di raccontarti la trama: guardati Color out of space e divertiti.
Ma ci tenevo a farti sapere che ce l’hanno fatta, che hanno fatto un film. E non solo han fatto un film, ma addirittura è MEGLIO DEL RACCONTO da cui l’han tratto. 
Perché io l’ho riletto (anzi, me lo sono fatto leggere) e tutta l’ultima parte – quando ormai la storia ha avuto il suo epilogo, quando si poteva andare tutti a casa, sciò, che non c’è più niente da vedere – non dico che sia superflua… ma in fin dei conti lo è.

Piccolissima anticipazione del film.

La potenza di un silenzio, di un’inquadratura lenta, di una panoramica del luogo non può essere paragonata a TRENTORDICI pagine di descrizione. Non ce la può fare la follia di H.P. paragonata a quella di un Nicolas Cage che sputa pomodori (sì, c’è Nicolas Cage e sì, sputa pomodori: scusa lo spoiler).

Ed Everybody loves Nicolas Cage.

Non voglio di certo mettere a paragone due media che non sono in competizione. È che siam sempre lì a ripetere quando ERA MEGLIO IL LIBRO11!1!! che per una volta che (forse, a mio modestissimo parere, IMHO) accade il contrario, sottolineiamolo.
E sottolineiamo pure che si tratta di un horror e che di horror decenti ne esce uno ogni dieci anni, quindi doppia vittoria.

Poi siamo anche qui a domandarci l’ovvio, di nuovo: Nicolas Cage è un attore della madonna oppure un cane impossibile? Sceglie parti sopra le righe o va in scena in preda alla follia pura?
Qui è misurato. Ha tenuto la follia a bada. Ha lasciato che il Colore sprigionasse il suo orrore in maniera subdola e sottile, impazzendo il giusto: c’era già Quella Cosa a creare destabilizzazione, non vi era necessità di calcare la mano.

sìsì, ancora due righe e veniamo tutti a tavola.

Con Yuzna questo Color Out of Space ha in comune non solo la corruzione della carne, ma pure la sottile ironia familiare di fondo ed un barlume di perversione sessuale che Yuzna adorava mettere in scena.
Non così esagerata (non siamo negli anni ’80, c’è qualche possibilità che il film venga effettivamente guardato da persone normali), appena appena accennata, ma c’è. Particolari che nel racconto di Lovecraft non esistono (anzi, non ricordo alcun racconto in cui la sessualità venga in qualche modo inserita).

Ho capito, andiamo a mangiare.

Film a tema, perché anche noi mangeremo un colore. Poiché mi dicono che lo zafferano ha un gusto, ma per me sa di GIALLO.
Però che coreografia, signora mia. Che scena. Che spettacolo.

Poi magari tu vivi in un posto strabiliante in cui puoi vedere persino gli elefanti volare e lo zafferano ha un SAPORE. Contenta per te.
Noi Kaiju ci dobbiamo accontentare della gioia cromatica.

Per l’occasione chiameremo questo piatto Gnocchi e Vongole Out of Spice.

Go, go, go!

Sembra una gif a caso. Ma lo è?

Per preparare degli gnocchi e vongole out of spice, per due persone, hai bisogno di:

  • 500 grammi di gnocchi;
  • 10 grammi d’olio;
  • un chilo di vongole. Meglio di più, non di meno;
  • una bustina di zafferano;
  • uno spicchio d’aglio;
  • del prezzemolo.

Metti l’acqua degli gnocchi a bollire e mi raccomando: non salarla. 

Trita del prezzemolo e partiamo.
Nella padella che useremo per cucinare (dove dovrà starci tutto il santopadre, quindi sufficientemente grande e di cui possiedi un coperchio) versa 10 grammi d’olio, caccia dentro uno spicchio d’aglio intero ma scamiciato e del prezzemolo.

Appena soffrigge, unisci le vongole.

Chiudi col coperchio, usa una fiamma medio bassa, ed attendi che si aprano. Ci vorranno circa 5 minuti, forse meno.
Quando si saranno aperte avranno lasciato del prezioso liquido che useremo per cuocere gli gnocchi. 
Ma prima di pensare a questo, leva le vongole dalla padella perché le dobbiamo sgusciare.
Per farlo aiutati con un colino ed un cucchiaio: cucchiaiata di vongole nel colino, vai scivolare l’acqua che si portano dietro e poi sposta le vongole nella ciotola.
Come detto, il liquido ci serve. 

Sguscia quasi tutte le vongole, lasciane giusto 4 o 5 a testa per decorare i piatti.

Nella padella ora c’è il liquido. Togli lo spicchio d’aglio e versa dentro una bustina di zafferano.

Mescola e valuta: se l’acqua è davvero POCHISSIMA, aggiungi una cucchiaiata di quella che hai scaldato. Altrimenti a posto.
Cuoceremo gli gnocchi lì dentro, ma non devono essere coperti. L’acqua deve raggiungere MASSIMO l’altezza di metà gnocco. 
Guarda qui, è poca:

Butta dentro gli gnocchi.

Ora devi starci dietro. Gli gnocchi sono pronti in pochissimi minuti (5 massimo) e dovrai girarli sempre per smuovere l’amido. Aggiungi acqua calda se evapora ed assaggia per sapere se lo gnocco è pronto.
Si formerà una crema, come per magia.

Prima di spegnere, caccia dentro le vongole sgusciate e fai andare ancora per 30 secondi, per scaldarle un po’.

Aggiungi ancora acqua se in questa operazione risultasse tutto troppo secco, l’importante è che quando spegni tutto sia abbastanza denso (non stiamo mica facendo una minestra).

A fiamma spenta unisci il prezzemolo.

No, non c’è bisogno di salare: l’acqua delle vongole darà la sapidità che occorre.
Porta la padella a tavola.

Prepara le porzioni e decora ogni piatto con ulteriore prezzemolo e le vongole che hai lasciato da parte.
Ecco cosa dovresti avere davanti a te:

Ciao e buon appetito!

 

Riso al cocco

Vai con la banalità del giorno: l’uomo non nasce con cognizione assoluta di bene o di male. Impara a gestire azioni (e pensieri, anche) nel corso del tempo e limita la propria cattiveria per tentare di inserirsi nella società in cui si trova a vivere. Società che possiede delle regole, delle pene e più in generale delle linee guida comportamentali.
Ma mi sbilancio anche un po’ di più, proclamando la seconda ovvietà di questi fulgido 14 ottobre: secondo me in fin dei conti l’essere umano non nasce buono. Molti di noi hanno fatto esperimenti su animali, da piccoli. Certo, se ti dico che ho sezionato un gatto (COSA CHE NON HO FATTO, sia chiaro) penseresti subito che ho delle turbe mentali. Ma se confesso di aver inondato un formicaio con il tubo dell’acqua, di aver staccato delle ali ad una farfalla, di aver fatto combattere animali piccolissimi in un’arena, per mio divertimento… saresti scandalizzato?
Non credo. Forse alcuni di voi. Forse i vegani.

Un bacio a tutti i vegani che passano di qui. Lo sapete che non ho pregiudizi e per me la pappa è sempre pappa. Era per scherzare.

Per il resto bolleresti la cosa come una cazzata un po’ sadica ed in fin dei conti riusciresti a trovare pure una qualche crescita derivata dai quei comportamenti depravati. Tipo che grazie a quell’esperienza il bambino si rende conto della potenza (fittizia) dell’essere umano contro la natura o apprende la fragilità dell’esistenza e che cazzo ne so.

Detto questo, in sostanza io penso che l’uomo nasca neutro nella migliore delle ipotesi, altrimenti nasce merda.

So che Capitan America non sarebbe d’accordo con me, ma oh.

Poi ci si aggiusta strada facendo, eh. Non è che siamo senza speranza. Però non credo esista un’idea di bene o di male assolute ed inviolabili.
Esempio pratico: ammazzare la gente. Per te e per me è senz’altro sbagliato e parte del nostro rifiuto arriva dal fatto che non vorremmo mai essere ammazzati. In più sappiamo che esistono pene durissime che in fin dei conti ci fanno pensare che non ne varrebbe manco la pena.

Certo, se cercassero di rubarci la pappa la violenza sarebbe giustificata.

Però immaginare qualcuno che non sia d’accordo con noi non è poi un salto mentale incredibile. Ci sarà pure qualcuno, da qualche parte, che pensa intimamente di essere migliore del resto della feccia umana. Ci sarà pure qualcuno, da qualche parte, che valuta l’esistenza di un essere umano e di una formica nella stessa maniera. E questo qualcuno magari non ammazza per questione di quieto vivere. Però ammazzerebbe, se potesse, e senza neppure sentirsi in colpa.
Sociopatici? Forse.

A me lui sembra sempre una personcina per bene. E con una dentatura invidiabile, anche.

Ma ho dei seri dubbi che bollare come malattia mentale qualsiasi cosa che sia contrario al sentire comune ci porterà da qualche parte.
Mi sta benissimo segregare questi soggetti pericolosi (se e quando si palesano, tra l’altro), ma questo non cancella il fatto che esistono e pensano. In una maniera del tutto distante da quella comune. Il bene ed il male per questi individui sono due robe senza valore o totalmente distorte, al massimo.

Tutto questo per arrivare alla vera domanda: se queste persone esistono, che tipo di rapporto hanno col cinema, i videogiochi e tutta la cultura popposa?
Quando guardano Il silenzio degli innocenti sono lì, disperati, che pregano che Bill riesca a realizzare il suo grande sogno di possedere un vestito di pelle umana?

Tifano per il ciccione di The Human Centipede e gioiscono quando il verme umano riesce finalmente a cagare?

Poverino Scream, cercano sempre di fargli male.

E ancora.
Sognano di avere una famiglia come quella di Leatherface? E in fin dei conti tirano un sospiro di sollievo quando Padre Carras crepa? E magari sono profondamente dispiaciuti per il nerd di Jurassic Park, che non è riuscito nel suo intento criminoso e fa una fine tanto ingiusta (niente spoiler, tranquilli)?.

Queste ed altre domande mi vengono in mente, mentre leggo Spinoza e Popcorn di Rick DuFer. Sì, lo so, non è da me parlare di un libro (di filosofia, poi), ma in realtà leggo, ogni tanto. È che mi pesa un po’ il culo scriverne qui sopra.

Anzi, tutto questo scrivere mi ha fatto venire fame. Quindi ricetta.

Non mangiare i dolci prima di cena che ti rovini l’appetito!

Ti propongo un riso al cocco, che ho provato un paio di volte e che al primo esperimento era una roba molto diversa. C’era il pollo, il doppio del curry e pure la polvere di cocco che si usa per i dolci.
Adesso è un piatto più sobrio, più tranquillone e pure più equilibrato al palato.
Forse non ti riempirà tantissimo, ma tanto non è che possiamo sempre scofanarci 5 cinghiali e mezzo, no?
Go, go, go!

La gioia di chi sa che tra poco si mangia.

Per preparare del riso al cocco, per due persone, hai bisogno di:

  • 200 grammi di riso. Nel mio caso carnaroli, ma credo tu possa usare quello che vuoi.
  • un barattolo da 400 ml di latte di cocco. Quello denso, non quello acquoso. Dopo ti mostro la foto di quello che ho comprato io;
  • uno scalogno;
  • 10 grammi d’olio;
  • 3 grammi di curry.
  • acqua calda.

Metti una pentola di acqua a bollire.

Mentre attendiamo le bolle ti mostro il latte di cocco che ho usato io:

L’acqua bolle? Allora partiamo.

Trita lo scalogno.
Versa 10 grammi di olio in una padella, accendi una fiamma molto bassa e poi aggiungi lo scalogno.

Fai stufare a fiamma molto bassa. Dopo cinque minuti sarà appassito ed avrà questo aspetto:

Bene. Spegni la fiamma che qui ci torniamo dopo.
Dobbiamo cuocere il riso ed è meglio che non ci distraiamo, altrimenti bruciamo tutto.

Versa 300 grammi di latte di cotto in una pentola piccola. Non quella per risotto, per intenderci: ti serve una pentola stretta, in modo da poter cuocere il riso senza usare troppo liquido.

Porta ad ebollizione il latte di cocco usando una fiamma media e poi versa dentro il riso.

Ora ci comporteremo come se stessimo preparando un risotto, coprendo di acqua calda il riso. Appena appena coperto, eh: non dobbiamo fare una minestra. Mano a mano che il liquido evapora o viene assorbito, ne aggiungiamo dell’altro. Usa una fiamma medio bassa, non c’è bisogno che bolla a cannone. 

Più o meno dopo 5 minuti di cottura, caccia dentro anche i 3 grammi di curry.

Mescola bene, aggiungi anche del sale e prosegui la cottura. Usa una fiamma medio bassa per tutta la cottura.
Ricordati che alla fine non dobbiamo avere liquido, ma dobbiamo ottenere un riso pappone. Quindi non esagerare coi liquidi. Fai arrivare il riso a tre minuti prima del tempo indicato sulla confezione.

Quando manca poco versa i rimanenti 100 grammi di latte di cocco nel padellino con lo scalogno. Accendi la sua fiamma (sempre super bassa) e fai amalgamare bene. Appena il latte di cocco inizia a sobbollire significa che è siamo pronti ad unire il riso.

Versa il riso nel padellone con lo scalogno, accendi una fiamma medio bassa e fai amalgamare il tutto. Mescola per tutta la durata dell’operazione.

Concludi la cottura, bagnando ancora con l’acqua calda se servisse liquido.
Insomma, abbiamo preparato un fake risotto, direbbero i ggggiovani.

Prepara le porzioni ed ecco cosa dovresti avere davanti a te:

Ciao e buon appetito!

Cuscus con pollo e ceci (+ Perché cazzo Tobe Hooper)

Stavo lì a guardare l’ennesimo film che fa Bu!!! e sbuffavo fortissimo. Non si trattava di una di quelle storie in cui cercano di svegliarti con della musica sparata nelle orecchie per – che so – quattro, cinque volte in un’ora e mezza.
No. In questo film che fa Bu!!! i jumpscare – così li chiamano quelli che ne sanno – erano continui. Sono durati per TUTTO IL FOTTUTISSIMO TEMPO. 

BU!

l’unico ad essere infastidito in maniera vistosissima era Piccettino, chiamato dagli amici MadonnaQuantoPuzzi. Il gatto, insomma. Voleva dormire, lui. Ma la nuova frontiera dell’horror non gliel’ha concesso.
Noi altri umani, invece, abbiamo sbadigliato tutto il tempo e ad un certo punto a Pizzakaiju è partito un embolo che chiameremo Perché cazzo TOBE HOOPER.

Eccomi, mentre mi parte l’embolo.

Ormai un po’ si dovrebbe essere capito, sia dalle gif che dal mio continuo evocare Cthulhu e Pazuzu: l’horror è il mio genere preferito, pure se alla fine me ne piacciono davvero pochissimi.
Però quando un film dell’orrore funziona per davvero, si insinua in te e non se ne va più. E non per paura: sono incapace di provare quel tipo di emozione. No, io mi diverto davanti ai massacri assurdi e ai mostroni ed al sangue ed agli psicopatici. più il regista spinge verso l’assurdo ed il macabro, più io son contenta.

Quindi sì ai Cannibal Holocaust, agli Adam Chaplin, agli Human Centipede. No ai James Wan e ai montaggi frenetici ed alle musiche sparate nelle orecchie.
E soprattutto sì a Tobe Hooper.

Sì!

Perché cazzo Tobe Hooper è l’emblema della sporcizia, della malattia mentale, dell’estremo.
La sua specialità è inserire in ambienti già inquietanti personaggi manco descrivibili, talmente sono fuori  e sopra le righe e del tutto persi in se stessi.
Prendiamo Quel Motel vicino alla palude: sì, ok che il gestore del motel non sta benissimo e c’ha pure un alligatore come animale semi domestico… ma i clienti sono anche peggio.
E per forza, mi verrebbe da dire: quale sarebbe la persona normale che oserebbe fermarsi in quel posto orrendo? Quando poi arriva Judd, il gestore di cui sopra, di sicuro io e te ce ne andremmo.

Judd è una personcina carina e deliziosa.

Loro no. Loro restano. Per loro è normale.
Loro, infatti, non stanno bene.

 

Ma parliamo di Non aprite quella porta, che quello lo ha visto pure mia nonna, talmente è famoso.
Lui ci mette subito le cose in chiaro: li mettiamo i ragazzini da scannare. Certo che li mettiamo, vuoi forse progettare una carneficina senza i teenagers? Però, così, a caso, perché siamo sporchi e cattivi, uno lo creiamo paraplegico. Senza ragione: non ci saranno scene segnanti con la sedia a rotelle, né patetismi, né i momenti di empatia verso la malattia. Anzi, non gliene frega una ceppa a nessuno che questo non cammina.

E giochiamo con le cose appuntite perché sì, anche.

Lo mettiamo lì perché sì. Secondo me il perché sì è quello che guida un buon film d’atmosfera dell’orrore: io non li voglio gli spiegoni, i dialogoni, la psicanalisi da quattro soldi. Io voglio i teschi, le motoseghe, la gente a cui piace mangiarsi le budella e i pazzoidi che desiderano fortissimo che un pezzo di merda esca da un intestino per passare nella bocca e negli intestini di altri poveracci. Perché? Perché sì. Perché, al massimo, il pazzo si diverte tanto.

I Have a Dream, sta dicendo.

In Texas Chain Saw Massacre c’è proprio quel particolare che mi ha fatto esclamare Ma cazzo Tobe Hooper. Qui non ci sono i bu!!! perché non ce n’è bisogno.
Nonostante i ragazzi non facciano che correre intorno alla casa, al buio, terrorizzati, la necessità di tenerti sveglio con i jumpscare non si sente: Leatherface è terrorizzante, il suo pragmatismo nel sventrare la gente è protagonista assoluto. Lui ti vede e subito pensa ad attaccarti ad un gancio da macellaio, perché è quello che fa e lo fa da sempre e lo fa bene.

Lasciate lavorare quest’uomo in pace.

Tobe Hooper non usa la musica per sottolineare la fuga: il suono della corsa, delle piante diventano la musica stessa (con qualche minimo effetto sonoro in aiuto, questo sì). Quando compare Leathearface con la sua motosega ti caghi sotto perché fa paura, non perché non te l’aspettavi.

La paura non è una suora zombie che spegne le luci a tradimento. La paura è l’ignoto inspiegabile, una strada buia, il mostro sotto il letto e lo psicopatico che vive nel bosco.
Un uomo con la faccia coperta da una maschera di pelle umana (altrui) che ti insegue per farti a pezzi è un’immagine già potente di suo: non serve calcarla con la musica, basta solo essere bravi a mostrarlo e a non mostrarlo, all’occorrenza.

La bellezza.

Ogni volta che un regista tenta di spaventarmi con le musichette penso che non abbia capito niente del subconscio umano. Penso che non abbia la zozzezza dentro di sé e manco qualcosa da dire.
Perché cazzo Tobe Hooper, invece, con del buio ed un paio di alberi ha creato un universo di cagasotto.

Adesso via, verso nuovi orizzonti, a mangiare cuscus.

A quanto pare anche nel Wakanda si mangia il cuscus.

Del cuscus ho già parlato in questo post qui, ammettendo tutta la mia ignoranza. Su Facebook mi hanno consigliato di prepararlo con ceci, pollo e curcuma e così ho fatto: era buono, quindi ti dono la ricetta, come ogni volta che c’è pappa degna all’orizzonte.

Go, go, go! 

Per preparare del cuscus con ceci e pollo, per due persone, hai bisogno di:

  • 200 grammi di cuscus;
  • 200 grammi d’acqua + sale per cuocere il cuscus;
  • 200 grammi di ceci secchi;
  • circa 500 grammi di straccetti di petto di pollo;
  • 20 grammi d’olio;
  • 5 grammi di curcuma;
  • 1 cucchiaio d’olio da aggiungere nelle porzioni, se l’effetto Secchezza delle fauci che si facesse sentire.

Il cuscus è proprio il nostro ultimo pensiero, perché impiega pochissimo a cuocere. Partiamo da tutto il resto.

Innanzitutto i ceci: come ben sai in Pizzakaiju’s Land sono banditi quelli in scatola (salvo proprio emergenza), quindi ripassiamo la lezioncina della loro cottura.

È strafacile.

Ti tocca metterli a bagno per tutta la notte, insieme ad una manciata di sale grosso.
Esaurite le 8-12 ore di ammollo sciacqua bene i ceci e poi cacciali in una pentola. Coprili con abbondante acqua, metti il coperchio e fai bollire. Quando l’acqua inizia a fare le bolle passa al semicoperto ed abbassa la fiamma fino al raggiungimento di un sobbollore.
Da lì in poi dipende dai ceci che hai acquistato e quanto li vuoi morbidi. In media io impiego meno di un’ora, a dispetto dei tempi secolari che di solito indicano sulla confezione.

Scolali senza buttare la loro acqua e lasciali da parte.

Scalda una piastra senza aggiungere grassi ed appena è rovente adagia sopra le fettine di pollo.
Fai cuocere a fiamma alta, girandole un paio di volte.

Il pollo è pronto quando è colorato su ogni lato.
Mettilo in un piatto e tagliuzzalo con delle forbici.

Ok.
Ora prendi una padella grande grande (dove potrà stare tutto il condimento) e versaci 20 grammi d’olio. Falli scaldare e poi caccia lì dentro sia i ceci che il pollo. Aggiungi il sale, mescola il tutto e fai andare il tutto giusto un paio di minuti, per riscaldarli.

Adesso spegni la fiamma e pensiamo al cuscus.
Versa 200 grammi d’acqua (se vuoi puoi usare quella in cui hanno cotto i ceci ed io ti consiglio di farlo, poiché lì dentro ci sono un sacco di proteine) in una pentola di cui possiedi il coperchio. Quindi chiudi, attendi le bolle e spegni la fiamma. Caccia dentro il cuscus e sgranalo con una forchetta, poi chiudi col coperchio ed attendi i tempi indicati sulla confezione. Nel mio caso erano 4 minuti.

Riaccendi la fiamma sotto la padella del pollo e dei ceci. Riversa lì il cuscus ed aggiungi 5 grammi di curcuma.

Fai saltare brevemente, mescolando bene bene.
Ecco il risultato finale:

Prepara le porzioni ed aggiungi olio se ti sembra secco (e immagino lo sarà).
Ecco qui cosa dovresti avere davanti a te.

Ciao e buon appetito!