Spaghetti yogurt e ‘nduja

Ebbene sì: oggi si torna a parlare di ‘nduja.

tumblr_oz00gfpsvo1v1n3qho1_500

La gioia.

C’è chi usa la panna in ogni piatto di pasta, chi lo zafferano e chi il sale dell’Himalaya. Io ho un’insanissima passione per lei e la uso appena posso.

La gente normale quando crea le ricette svuotafrigo intende levarsi dalle palle gli avanzi di verdure, la ricotta o un pezzo di formaggio che sta lì dal medioevo.
Qui, invece, ci avanza la ‘nduja.

E, scommetto, da quando hai scoperto pure tu la bellezza di questo salume calabrese, accade spesso anche a te.

tumblr_ozktn0nn4k1rp0vkjo1_540

Tutti a mangiare piccante da dio.

Mi erano rimaste due ‘nduja molto diverse. Una che faceva piangere solo a guardarla talmente è piccante, l’altra che era più peperonata che peperoncinata. Con tanti buuuuu! dopo il primo assaggio.
Qui la mescoliamo con lo yogurt greco.
Ed è venuta fuori questa pasta quasi mondiale.

Ah, tempo di lavoro: 5 minuti scarsi.

tumblr_oif8t5ouam1rrkahjo5_400

Che poi ti rovini l’appetito. Servono davvero solo 5 minuti!

Iniziamo.
Go, go, go!

Per preparare degli spaghetti con yogurt e ‘nduja, per due persone, hai bisogno di:

  • 180 grammi di spaghetti;
  • un barattolo di yogurt greco grande, da circa 150 grammi. Non zuccherato (dopo ti faccio vedere quale ho comprato io);
  • ‘nduja. Quanta, devi deciderlo tu. Io ne ho usati circa 80 grammi.

Metti l’acqua della pasta a bollire.
Nel frattempo, ammira la bellezza e commuoviti.

tumblr_p8w1afvgg11r0awsqo3_1280

Questa mena da dio.

Caccia dentro ad una ciotola di plastica lo yogurt. Ecco quello che ho usato io e ti consiglio:

tumblr_p8w1afvgg11r0awsqo4_1280

Se sei interessata al Fage, attenzione che ne esistono tre versioni. Una cremosa (con più grassi), questa con scritto un misterioso 5 ed una molto secca, con scritto zero. Tutte ottime allo stesso modo.

Taglia a pezzi la ‘nduja e mettila nello yogurt. Probabile che dovrai spezzettarla con le mani, poiché tende ad incollarsi su se stessa.

tumblr_p8w1afvgg11r0awsqo5_1280

Aggiungi dell’acqua di cottura della pasta. Calda. Una cucchiaiata per volta, fino a quando otterrai una crema:

tumblr_p8w1afvgg11r0awsqo7_1280
Quando gli spaghetti sono pronti, buttali dentro alla ciotola.
Conserva un po’ d’acqua di cottura, che non si sa mai.

Ora mescola bene, con una pinza o un forchettone.

tumblr_p8w1afvgg11r0awsqo8_1280

Gira e spera, spera e gira

 

tumblr_p8w1afvgg11r0awsqo9_1280

Quel che vuoi si avvererà!

Finito! Puoi impiattare e mangiare.
Ecco la mia:

tumblr_p8w1afvgg11r0awsqo2_1280

Se sei interessato ad altre ricette con la ‘nduja, sappi che nel menù di Pizzakaiju troverai anche gli spaghetti con la ‘nduja, la pasta e fagioli con la ‘nduja ed il risotto con salsiccia, vino rosso e ‘nduja.

Ciao e buon appetito!

tumblr_p8w1afvgg11r0awsqo1_1280

Gnam!

Pasta e fagioli con ‘nduja

Uno si distrae un attimo e passa quasi una settimana dall’ultimo aggiornamento. Ah, come passa il tempo, quando ci si diverte.

tumblr_opk2j9szsj1vaqoiqo1_500

Stamattina, quando mi sono resa conto di avere lasciato morire il blog per 5 giorni.

È giunto il tempo di interrompere il silenzio stampa per perfezionare la nostra pasta e fagioli. Ti avevo dato la ricetta per i tempi bui, quelli con gli zombi e pochi elementi a disposizione. Oggi aggiungeremo invece quell’elemento in più che farà fuggire i commensali più timorosi, quelli che non tollerano il piccante, quelli a cui brucia il culo per un nonnulla. Scommetto che hai già indovinato di quale elemento sto parlando.

No? Allora via con lo spoiler: ‘nduja. Per chi non avesse seguito le puntate precedenti, la pasta con la ‘nduja è qui e buon appetito.

tumblr_mlixvhgigk1r0ix14o2_500

La sua reazione quando ha assaggiato la ‘nduja per la prima volta.

In più questa volta basta coi barattoli: cuociamo i fagioli a secchi, che tanto non ci vuole un cazzo.

Per preparare una pasta e fagioli con ‘nduja, per due persone, hai bisogno di:

  • 180 grammi di cavatelli o altra pasta adatta alla minestra;
  • 50 grammi di ‘nduja. Quantità che può variare in base al tipo di ‘nduja che utilizzi ed al tuo palato;
  • 200 grammi di fagioli cannellini secchi.

Partiamo dai fagioli.
I fagioli hanno bisogno solo di un po’ di tempo, ma sono veloci da prepararsi. Il tutorial l’ho già scritto e lo trovi qui, ma ripassiamo le basi.
Devono stare in una bacinella, ricoperti d’acqua, per circa 12 ore. Quindi mettili ammollo la sera prima.
Cuocerli è una stronzata.
Innanzitutto sciacquali bene.



Devi poi solo metterli in una pentola e ricoprirli d’acqua. Se hai dell’alloro, caccialo nell’acqua, che aiuta a renderli più digeribili. 

Chiudi col coperchio, porta a bollore. Appena bolle sposta la pentola in una fiamma che permetta solo un sobbollore e tieni coperto. Ogni tanto assaggia e quando sono pronti spegni. Non considerare i tempi indicati sulla confezione: sono sempre sbagliati e quasi sicuramente hanno scritto seicento ore in più di quelle che realmente occorrono.
I miei cannellini sono quasi sempre pronti in meno di 30 minuti.

E la prima volta che ho letto le indicazioni sulla scatola avevo questa faccia, sconvolta perché pensavo di spenderci tutta la settimana.

Non c’è bisogno di schiumare (quelle sono proteine e sono buone da mangiare) ed il sale si mette solo alla fine.
Quando sono pronti lasciali riposare nel loro brodo: useremo il brodo per TUTTA la preparazione della pasta, quindi custodiscilo religiosamente.

Preparati i fagioli possiamo partire.
Scolali dalla loro acqua e dividili in due parti.
Porta il brodo ad ebollizione mentre ci occupiamo del resto.

Trita una parte di fagioli, aiutandoti con un po’ del brodo.

Devi ottenere una crema molto liquida, quindi non avere paura di abbondare con l’acqua.

Ora prendi una pentola che possa contenere tutta la Madonna (pasta compresa, insomma).
Caccia dentro 50 grammi di ‘nduja,

Accendi una fiamma medio bassa e fai sciogliere lentamente.

Appena è sciolta, versa la crema di fagioli.

A questo punto puoi tranquillamente buttare la pasta nel brodo dei fagioli. Però devi cuocerla pochissimo: 3 minuti massimo, giusto il tempo per ammorbidirla.

Se la tua pasta ha un tempo di cottura molto limitato (diciamo sugli 8 minuti) non c’è bisogno di questo passaggio. Metti la pasta cruda DIRETTAMENTE nella crema di fagioli ed aggiungi brodo fagiolato per cuocerla.

Intanto tieni in caldo la tua cremina di fagioli e mescola il tutto.

Dopo i 3 minuti scola la pasta ma non buttare l’acqua di cottura, perché ci servirà.

Butta la pasta nella pentola coi fagioli e fai cuocere, a fiamma medio alta. Se vedi che il liquido scarseggia, aggiungi una mestolata di acqua di cottura.  

Spegni la fiamma a 4 minuti dal tempo indicato sulla confezione (complessivo, eh! Ricordati che hai già fatto bollire la pasta per un po’).  Aggiungi i fagioli che hai lasciato da parte, quelli interi.

Poi chiudi col coperchio e fai riposare dai 5 ai 10 minuti. Dipende dal tuo grado di fame.

Tieni conto che in questo tempo il liquido diminuirà ulteriormente. Quindi fai in modo che non sia troppo secco quando spegni la fiamma e, se vuoi un risultato mooooolto brodoso, aggiungi altra acqua bollente.

Dopo il tempo d’attesa puoi finalmente preparare le porzioni.

Se per caso dopo questo tempo è troppo asciutto per i tuoi gusti, evita di bestemmiare e limitati ad aggiungere brodo bollente. Non è successo niente, la prossima volta ti regolerai meglio. Come dice la saggezza popolare, solo chi non fa, non sbaglia.

Se tutto è andato per il verso giusto, ecco cosa dovresti avere davanti a te:

Ciao e buon appetito!