Pesce spada con pomodoro e olive

Mi girano le balle e sono stanca, quindi passiamo subito alla ricetta.

Capisco che è una cosa deludente, ma oggi va così.

Cosa non va? Nulla in particolare, semplicemente non ci sto dentro sotto ogni aspetto.
La casa è troppo lercia, io sto lievitando di peso e non so se siano muscoli, ciccia o sfiga, non ho tempo per giocare a God of War ed i gatti di merda mi stressano ogni volta che metto un piede fuori casa.

Il giornale che comprerei.

Quindi passiamo oltre.
Ti propongo una ricetta di un pesce in padella con un po’ di pomodori. Si prepara in dieci minuti scarsi + il tempo di tagliare tutti gli ingredienti.

Go, go, go!

Per preparare del pesce spada al pomodoro, per due persone, hai bisogno di:

  • 4 fette di pesce spada. Le mie pesavano circa 300 grammi l’una (se le compri surgelate, ogni fetta peserà quasi il doppio);
  • 500 grammi di pomodorini;
  • uno spicchio d’aglio;
  • origano;
  • 100 grammi di olive nere;
  • sale, pepe;
  • 20 grammi d’olio.

Se hai comprato il pesce spada fresco, tutto a posto.
Se lo hai comprato surgelato, mettilo in un contenitore dai bordi alti e fallo scongelare lentamente, in frigorifero. Ci vorranno almeno 12 ore. Toglilo poi dal frigo un paio d’ore prima del cucinamento.

Dividi a metà i pomodorini. Non tagliarli a pezzi piccoli, non stiamo facendo un sugo.
Denocciola e riduci a rondelle le olive.
Togli la camicia allo spicchio d’aglio (ma lascialo intero).

Versa 20 grammi d’olio e lì fai soffriggere l’aglio.

Appena è colorato, aggiungi pomodorini, sale, pepe ed un po’ di origano.

Fai andare a fiamme media per 5 minuti. Cominceranno a fare uscire del liquido.

Aggiungi ora le olive.

Mescola bene e fai andare per altri 4 minuti.
A questo punto puoi adagiare il pesce.

Aggiungi sale, chiudi col coperchio e fai cuocere per 3 minuti.
Poi riapri, gira le fette, sala anche questo lato. Chiudi di nuovo e fai cuocere per altri 3 minuti scarsi.

Ci siamo.
Prepara le porzioni, cospargi col pepe ed ecco cosa dovresti avere davanti a te:

Ciao e buon appetito!

Pesce spada alla griglia

Oggi ricetta facile facile, con poche insidie, che magari potresti farti quei giorni in cui hai così fame che mangeresti il gatto. Crudo.

Quei giorni che poi finiscono così e non è bello.

Ti voglio proporre infatti il pesce spada alla griglia, che l’ha cucinato Stefano Barbato e mi ha fatto venire voglia.

Volevo fare un contorno di verdure, ma la lunga cottura mi ha un po’ esasperato.
Perché io volevo una cena da 4 minuti, però per cucinare i peperoni e le carote ce ne sono voluti QUARANTA. Quaranta in cui non è che ho dovuto fare niente di speciale, se non attendere. Con una fame della madonna.

Ero così.

Quindi no, solo pesce.
Go, go, go
!

Per preparare il pesce spada, per due persone, hai bisogno di:

  • 2 fette di pesce spada da circa 300 grammi l’una, dallo spessore di un centimetro;
  • 10 grammi d’olio con cui condire il pesce spada;
  • pepe, sale;
  • prezzemolo.

Parliamo del pesce. Se ce l’hai fresco, tutto ok. Se ce l’hai surgelato, non devi fare le cose di fretta, perché poi ti viene stopposo o dal gusto discutibile. Devi metterlo su un piatto e lasciarlo decongelare in frigorifero. Ci vorrà del tempo (12 ore almeno), ma è un’operazione che non puoi saltare.
Tre o quattro ore prima della cottura lo tiri fuori dal frigo, così gradualmente lo riportiamo a temperatura ambiente. 
Davvero, già stiamo comprando roba surgelata, se poi la trattiamo pure male tanto vale mangiare i bastoncini di merluzzo finti, che tanto è uguale.

Sì, ho capito che i bastoncini sono buoni, però dai, facciamo le persone serie.

Una volta che hai fatto tutto questo ed è ora di cena, l’unica cosa che devi ancora fare è tamponare il pesce con della carta assorbente per levare l’acqua che sarà rimasta.

Il pesce avrà bisogno di una cottura totale di 5 minuti.

Prendi la tua piastra, non aggiungere grassi.

Accendi una fiamma medio alta. Non aggiungere sale, non aggiungere grassi, non improvvisare.
Attendi solo che vada in temperatura.
E come faccio a sapere quando è in temperatura, chiederai?
Semplice: mettici una mano sopra.

Subito a capire male e a insultare.

Non intendo sopra letteralmente, caro Drax, ma leggermente sollevata. Che so, di 10 cm.
Se riesci a tenere la mano lì per 5 secondi ma poi la devi spostare, sei a temperatura.
Se non riesci a contare fino a 5, devi abbassare la fiamma.
Se riesci a contare fino a 10, vuol dire che devi aspettare ancora.
Science, bitch!

La mano devi metterla così.

Appena è a temperatura appoggia il pesce spada.

Adesso il pesce si attaccherà alla griglia, ma tu non cercare di staccarlo con la forza.
Dopo tre minuti si staccherà da solo e ti lascerà quelle belle righe di sbruciacchiato buonissime da mangiare. Non bucare la carne, ma girala con delle palette, sennò sputtani la cottura.

Dopo 3 o massimo 5 minuti, quindi, sarai in grado di girare la fetta quasi naturalmente.
Non devi sforzarlo per staccarlo, insomma, deve essere un’operazione che avviene senza l’uso dei tuoi possenti muscoli.

Se hai preso il pesce surgelato, come me, è possibile che noterai parecchio liquido fuoriuscire, come quello che vedi in foto. Purtroppo è normale e tu stai facendo giusto. Col pesce fresco questo non dovrebbe accadere. Ma a volte non accade manco con quello surgelato, dipende dal volere di Pazuzu.

Aggiungi un pochino di sale sulla superficie già cotta ed attendi l’altra parte.
Anche in questo caso dovrai attendere che si stacchi dalla piastra, le regole sono le stesse scritte in precedenza.

Fine.
Una volta sui piatti cospargi con del prezzemolo, del pepe ed un filo d’olio.

Ti faccio vedere pure l’altra fetta, che è venuta più scura:

Fine. Mangia, te lo sei meritato.

Ciao e buon appetito!