Uova spadellate con le verdure

Mangiamo di nuovo uova.

Dalla reazione mi sa che te ne sei pentita, eh?

Ebbene sì.
Una roba che sembra uno stupidissimo contorno che si prepara in 5 minuti scarsi, ma che in realtà è stata la mia cena salvavita un sacco di volte.

No, non sarà bello come questo, ma te lo papperai lo stesso.

Le dosi non sono per spanzata, ma queste assicurano una notte di sonni tranquilli ed una palestra mattutina da paura.

Go, go, go!

Per preparare delle uova con verdure, come contorno per due persone, hai bisogno di:

  • 20 grammi d’olio;
  • una cipolla;
  • mezzo chilo di verdure;
  • 6 uova;
  • sale, pepe.

Taglia tutta la verdura.
Puoi tagliarla sia a pezzetti che con la mandolina, cambierà solo il tempo di cottura.

Spacca le uova e cacciale in una ciotola.
Aiutati con un bicchiere durante quest’operazione: rompi l’uovo nel bicchiere, poi riversalo nella ciotola. Eviterai di ritrovarti pezzetti di guscio nel caso il rompimento dovesse avvenire in maniera troppo brutale.

Sbatti leggermente le uova e salale, sempre pochissimo.

Versa 20 grammi d’olio nella padella, falli scaldare e poi aggiungi le cipolle.
Un paio di minuti dopo aggiungi la verdura: non tutta, dipende dal tipo di verdura.
In questo post qui trovi, grosso modo, i tempi di cottura delle varie verdure.

Questa volta io ho cotto cipolla, zucca e zucchine.
Quindi prima cipolla e zucca.

E poi zucchine.

Non mettere sale, mettilo solo a fine cottura.
E quand’è la fine cottura? Assaggia e valuta, devono piacere a te. A me piacciono cotte appena appena.
Anche la cottura deve essere fatta secondo i tuoi gusti: fiamma alta se le vuoi cotte ma croccanti, bassa se le vuoi stufare lentamente.

Quando sono pronte aggiungi il sale, il pepe (se vuoi) mescola, alza la fiamma e versa le uova.

Mescola con un cucchiaio e strapazza le uova.
Ci vorranno meno di 5 minuti e tutto è pronto quando le uova saranno ben cotte.

Prepara le porzioni e goditi potere e bellezza delle tue ginocchia:

Ciao e buon appetito!

Come bruciare un wok e come conservarlo senza farlo arrugginire.

Dai, che forse forse forse nelle prossime settimane impariamo a preparare il riso fritto cinese per ucciderci ancora meglio. Però ti tocca comprare un aggeggio che, come hai di sicuro intuito dal titolo, si chiama wok.
Una volta ottenuto questo preziosissimo strumento avremo il potere.

Riso al curry, arriviamo!

Innanzitutto partiamo col solito Pizzakaiju&friend:

Come puoi osservare, si tratta di una specie di padellona di ferro con la base molto stretta rispetto al corpo. Si usa quando vuoi cuocere qualcosa in pochissimo tempo, raggiungendo temperature parecchio elevate e si utilizza, come è ovvio, per cucinare parecchie pietanze cinesi che i vostri esigenti commensali accoglieranno con lo sguardo incredulo e adoreranno (per non parlare dei piccini di casa, con le loro manine cucciole).

Ok, ok, la pianto.

C’è però un piccolissimo problema: non è che ti compri il wok e subito dopo cucini il mondo. Prima lo dobbiamo preparare e per prepararlo respireremo tanto di quel bruciato che io sto ancora qui a tossire adesso.
Il mio consiglio è quello di comprare una mascherina, quella che usano i ciclisti o i malati di mente, perché è davvero un lavoro proibitivo.

Impiegherai circa un’ora per bruciare tutto il wok, operazione che serve a renderlo antiaderente. 
Perché non lo vendono già antiaderente, mi chiedi? Ah, cazzo ne so. Non ho googlato.
Sappi comunque che la visione del wok nero e fumante è piuttosto disturbante, trasuda malessere da lontano, ma questo ed altro per il riso con l’ananas.

Però le prime volte che lo userai reagirai un po’ così.

Ho imparato tutto quello che c’è da sapere sul wok da Cina in cucina ed il canale è colmo di ricette tipiche cinesi e quindi lo saccheggeremo senza pietà.

Ora partiamo col wok.
Go, go, go e sigla!

Per bruciare il wok hai bisogno di:

  • un po’ di olio di semi;
  • acqua;
  • carta assorbente;
  • il lavandino vuoto, senza stoviglie sporche;
  • la mente super attiva. È un lavoro potenzialmente pericoloso, quindi bisogna essere svegli, agili e scattanti, come tutti i grandi eroi.

Chi se lo ricorda?

Ripeto l’avviso: è un lavoro potenzialmente pericoloso. Il wok sarà bollente, dovrai versare acqua e poi olio, ovviamente asciugando il tutto tra un passaggio e l’altro. Quindi prenditi un caffè, che se ti dimentichi di asciugare l’acqua o se cacci il wok ricolmo d’olio sotto il rubinetto finisci all’ospedale.

Forza!

Metti il tuo wok luccicante sul fornello più grande che hai, con fiamma al massimo. Lascialo scaldare per qualche minuto. Vedrai che inizierà a scurirsi naturalmente.

Inizierà pure a tirare fuori un fumo esagerato. Non ti preoccupare: è normale.

Adesso che è ben caldo, versa dentro un pochino d’olio. Non tanto, meno di un cucchiaio va bene.

Aspetta che bruci pure lui (non abbassare la fiamma) e nell’attesa fallo scivolare sul wok, con un movimento circolare.
Attenzione: non fare cadere nessuna goccia d’olio sulla fiamma, altrimenti infuochi la casa. Quindi muovilo, sì, ma senza foga esagerata.

Dopo tre o quattro minuti in cui l’olio ha bruciato quel che poteva, annerendo parte del wok, rovescia l’olio nel lavandino.
Facendo super attenzione (non mi stancherò mai di ripetere che il wok brucia anche l’anima, se lo tocchi) prendi un po’ di carta assorbente e spalma l’olio rimasto nel wok per tutta la superficie del wok. Tutta intendo proprio TUTTA, anche i bordi più alti.

Rimetti il wok sulla fiamma, scaldalo ancora per un minuto a fiamma molto alta per fare bruciare l’olio che hai spalmato.
Adesso, con estrema attenzione perché tirerà fuori vapore ustionante, bagna il wok con l’acqua corrente fredda.

Una volta abbassata la temperatura, rimetti il wok sul fornello, sempre a fiamma altissima. Fai evaporare l’acqua rimasta (toglila anche con della carta assorbente, per velocizzare l’operazione) e ricominciamo da capo.

Appena l’acqua è evaporata versa di nuovo un cucchiaio d’olio, fallo roteare bene per spalmarlo su tutto il l wok.
Se c’è qualche parte del wok più chiara, fai andare l’olio nell’area interessata e fai bruciare tenendo il wok inclinato sulla parte interessata. Sempre facendo attenzione a non rovesciare alcuna goccia sulla fiamma.

E di nuovo rovescia l’olio nel lavandino e di nuovo rimetti il wok sul fornello e di nuovo spalma l’olio con carta assorbente e di nuovo fai bruciare per un minuto.
Bagna il wok con l’acqua corrente, rimetti il wok sul fornello, fai evaporare l’acqua (aiutandoti anche con la carta assorbente) e rimetti l’olio.

Devi ripetere tutte queste operazioni finché il wok non sarà interamente bruciato. 

Quando avrai finito avrai imparato anche il Karate, giuro.

Volendo puoi anche completare il lavoro in seguito, se non riesci più a respirare.
Io mi sono fermata a questo punto:

Ti dico che già usandolo così – perché ovviamente non ho potuto resistere e l’ho già collaudato – nulla si è attaccato, quindi il lavoro è servito.

Una volta che hai finito l‘operazione della bruciatura, parte quella della conservazione del wok. Operazione che dovrai compiere TUTTE LE VOLTE che lo userai.

Il wok non si lava con il sapone, poiché altrimenti il sapone finirebbe nell’olio bruciato che hai fatto tanta fatica a creare. Si lava con l’acqua, con l’aiuto di pezzette possibilmente non abrasive.

Però bisogna pure levare l’acqua ed ungerlo perché, essendo di ferro, è soggetto a ruggine.

Una volta pulito devi mettere il wok sulla fiamma altissima, per fare evaporare tutta l’acqua. Poi versa un po’ d’olio e spalmalo – usando la solita carta assorbente – per tutta la superficie. Poco, il solito cucchiaio scarso.
Riponilo insieme alle altre pentole così, come la padella punkabbestia che è.

Nei prossimi giorni collauderemo insieme questo strumento di Cthulhu con una ricetta del menga tutorial, così prendiamo un po’ di confidenza.

Basta. Sigla!

Ciao e buon appetito!